Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Le limitazioni per accedere al contributo
di Michele Giuliano



Una spiegazione del mal funzionamento della legge potrebbe essere data dal fatto che le imprese sembrano essere “terrorizzate” dai sindacati, come ha denunciato il senatore Salvo Fleres nei giorni scorsi sulle pagine del nostro giornale: “I sindacati sono troppo garantisti e quasi impongono le assunzioni alle aziende anche se magari il lavoratore non ha dato la qualità e l’efficienza dovuta”. I vantaggi effettivamente li dà questa norma anche se ci sono delle limitazioni.
Ad esempio per accedere al contributo i datori di lavoro nei dodici mesi precedenti l’assunzione non devono avere proceduto a riduzione di personale e non devono avere alla stessa data sospensioni in atto. Ma a questo si affiancava un’ulteriore incentivo: i contributi possono essere erogati anche nei casi di licenziamenti intervenuti nei dodici mesi precedenti, purché venga reintegrata la base occupazionale, limitatamente alle unità in eccedenza rispetto alla base occupazionale preesistente.

Articolo pubblicato il 21 marzo 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Formazione inesistente nelle aziende. Un fallimento la L.r. 9/2000 - Imprese. Formazione continua questa sconosciuta.
    In ritardo. Dal rapporto annuale dell’Isfol emerge che la Sicilia è agli ultimi posti in Europa per la preparazione dei dipendenti all’interno delle imprese. Solo il 45% ne ha usufruito contro il 60% della media Ue.
    Regione. Con la L.r. 9/2002 si spingevano le imprese ad effettuare assunzioni a tempo indeterminato dietro un contributo annuale di 4.600 euro per unità lavorativa che riceveva la formazione. (21 marzo 2009)
  • Le limitazioni per accedere al contributo - (21 marzo 2009)
  • Sicilia dietro tutti: staccata dal Trentino di 24 punti - Nella classifica resa nota dal ministero del Lavoro e dall’Isfol. L’Isola al terzultimo posto, peggio di Molise e Basilicata (21 marzo 2009)
  • Incapacità progettuale alla base del ritardo - L’Isfol individua i punti deboli della Sicilia: “Non si riesce a trovare sbocchi”. Non si riescono a individuare percorsi di formazione ad hoc (21 marzo 2009)


comments powered by Disqus