Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Parcheggi scambiatori per liberare le città. Stanziati 12 mln per 32 comuni dell’Isola
di Rosario Battiato

Sulla Gurs il bando che mira a ridurre l’inquinamento acustico e atmosferico nei grandi centri. Il contributo più elevato a Siracusa che avrà a disposizione poco meno di un milione di euro 

Tags: Mobilità Sostenibile, Ambiente, Parcheggio Scambiatore



PALERMO – Prove tecniche di decongestione del traffico urbano e di mobilità sostenibile. Si inserisce in questi ambiti l'approvazione del bando di finanziamento per la realizzazione di parcheggi di interscambio a favore dei comuni isolani con popolazione superiore o uguale a 30 mila abitanti e dei comuni sede di porti inseriti nel Piano strategico nazionale della portualità e della logistica.

Il provvedimento, pubblicato sulla Gurs della scorsa settimana, coinvolge 32 centri isolani e mette a disposizione circa 12 milioni di euro. Adesso occorre presentare i progetti per non perdere queste risorse, ci sono 5 mesi di tempo a partire da venerdì scorso. Arrivano altri fondi per la “realizzazione di parcheggi urbani di interscambio per il decongestionamento dei centri urbani – si legge nel testo dell'approvazione – e lo scambio con i sistemi di trasporto collettivo urbano ed extraurbano, la riduzione degli inquinamenti acustico ed atmosferico, nonché il risparmio energetico”.
 
 
Andando in dettaglio, le proposte progettuali, si legge all'articolo 2 del bando, devono essere finalizzate alla “realizzazione di parcheggi urbani di interscambio a raso, in elevazione o sotterranei – con primaria ubicazione al di fuori dei centri storici – con riferimento ad infrastrutture che favoriscano l’intermodalità assolvendo alle funzioni di 'nodi di scambio'”. L'obiettivo è sempre quello di potenziare l'utilizzo del trasporto pubblico e ridurre l'afflusso dei veicoli privati nel centro storico delle città.
 
I comuni interessati possono presentare domande di finanziamento di parcheggi di interscambio, eventualmente utilizzando per ciascuna un protocollo diverso, riportando l'ordine di priorità, ed è ammessa anche la compartecipazione finanziaria dei comuni alla realizzazione degli interventi proposti, così come la compartecipazione finanziaria dei privati.
 
La ripartizione dei fondi è determinata proporzionalmente sulla base degli abitanti delle città coinvolte. In cima alla lista c'è Siracusa (poco meno di un milione di euro), seguita da Marsala, Gela e Ragusa (circa 600 mila euro a testa), quindi Trapani, Vittoria e Caltanissetta (circa mezzo milione di euro per comune).
Tra 400 mila e 485 mila, si rintracciano Agrigento, Bagheria, Modica, Acireale, Mazara del Vallo e Misterbianco. Nella fascia successiva, tra 300 e 400 mila, ci sono Paternò, Alcamo, Barcellona Pozzo di Gotto, Sciacca, Monreale, Carini, Caltagirone e Licata. Il gruppo successivo, che gravita tra i 200 e i 290 mila, vede Augusta, Canicattì, Adrano, Favara, Mascalucia, Partinico, Castelvetrano, Avola, Milazzo e Termini Imerese. L'ultima postazione, in solitaria, è per Porto Empedocle che ha ottenuto circa 136 mila euro.
 
Le istanze di finanziamento, che dovranno includere tutta la documentazione prevista nel bando, devono rispettare una tempistica precisa: l'invio al dipartimento delle Infrastrutture per essere approvate è consentito entro 150 giorni dalla pubblicazione del bando sulla Gurs (10 agosto).
 
Le risorse comunque non andranno sprecate. Nell’ipotesi che non tutti i comuni dell'elenco dovessero consegnare in tempo le istanze, oppure per istanze giudicate inammissibili, il Dipartimento provvederà a “ripartire le rimanenti somme tra gli altri comuni, sempre proporzionalmente sulla base della popolazione residente”.

Articolo pubblicato il 14 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus