Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Fondazione Federico II debiti rateizzati
di Raffaella Pessina

Dalla Tabella H 450 mila euro, ma Cascio conta di diminuire l’importo. Pesante opera di ricostruzione del patrimonio dilapidato

Tags: Fondazione Federico II, Francesco Cascio, Lelio Cusimano



PALERMO - “Per la prima volta dal 2006 ad oggi, la Fondazione Federico II ha chiuso il 2009, con un bilancio in pareggio”. Lo ha annunciato il presidente dell’Assemblea regionale siciliana e della Fondazione Federico II, Francesco Cascio, nel corso di una conferenza che si è tenuta ieri nella Sala Rossa di Palazzo dei Normanni, a cui ha partecipato anche il Collegio dei Revisori dei conti, presieduto da Antonio Scaglione.

“La Fondazione – ha proseguito Cascio – è ormai un’istituzione che si regge sulle proprie gambe, che per l’85 per cento delle sue necessità si mantiene con risorse proprie e che può permettersi di utilizzare parte del contributo regionale previsto dalla tabella H per ricostituire il proprio patrimonio”.
Pesanti erano state le perdite degli anni passati: 60.000 euro nel 2006, 377.000 nel 2007 e 345.000 nel 2008, con azzeramento totale del patrimonio.

Negli ultimi mesi sono state attivate diverse procedure che hanno permesso di riportarlo a circa 240 mila euro. Interventi sul fronte dei debiti della Fondazione, che ammontavano ad agosto del 2008 a circa 280 mila euro nei confronti dell’Inps e a oltre 1,3 milioni di euro verso i fornitori dell’ente. Il primo è stato interamente rateizzato  e risulta già ridotto di circa 130 mila euro; nel secondo caso rimangono insoluti non più di 105 mila euro. Era stata utilizzata inoltre una linea di credito per 500.000 euro. Interventi di riuduione del personale erano già stati operati alla fine del 2008, non rinnovando il contratto a 18 unità. Attualmente lavorano per la Fondazione Federico II 50 unità e la Regione stanzia, in uno dei capitoli della tabella H, 450.000 euro per la Fondazione.

 “Spero di poter ottenere qualcosa in più – ha detto il Presidente Cascio – per l’anno 2010 – in ogni caso la metà dello stanziamento servirà per la ricapitalizzazione della Fondazione stessa”.
Durante la conferenza stampa, il direttore della Fondazione, Lelio Cusimano, ha anche presentato il calendario degli eventi del 2010, che consiste  di 12 mostre e due sessioni di Notti Palatine. “Inoltre – ha aggiunto Cusimano – abbiamo apportato delle modifiche allo Statuto della Fondazione, che mirano a estendere il concetto di cultura non solo ad eventi artistici e letterari, ma anche a settori come l’economia e la ricerca scientifica”. Tornerà infine on line il sito della Fondazione a partire dal primo febbraio 2010. Il portale sarà disponibile in 5 lingue e fornirà informazioni  sul complesso monumentale di Palazzo dei Normanni, sul calendario degli eventi e i bandi di gara.

Articolo pubblicato il 28 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Da sinistra: Cusimano, Cascio e Scaglione in conferenza stampa (rp)
Da sinistra: Cusimano, Cascio e Scaglione in conferenza stampa (rp)


´╗┐