Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Nove studenti da tutto il mondo all'Ismett di Palermo per uno stage
di Redazione

Un progetto reso possibile grazie ad una convenzione fra il Sism ed il Centro trapianti palermitano

Tags: Ismett, Palermo



in collaborazione con ITALPRESS
 
PALERMO - Cina, Spagna, Russia, Tunisia e Portogallo: sono queste le nazioni dei 9 studenti di Medicina che per tutto il mese di agosto svolgeranno un periodo di formazione ed orientamento all'interno di Irccs Ismett.
 
Un progetto reso possibile grazie ad una convenzione fra il Sism (Segretariato Italiano Studenti in Medicina) ed il Centro trapianti palermitano.
 
I 9 studenti che inizieranno il loro stage presso l'Istituto Mediterraneo fanno parte del progetto di scambi internazionali in campo medico coordinato da Sism e Ifmsa (International Federation of Medical Student's Association), una Non Governmental Organization (NGO) che federa le varie Associazioni Nazionali di studenti in Medicina di tutto il mondo, in relazione ufficiale con l'Organizzazione Mondiale della Sanità e con le Nazioni Unite.
 
Il programma offre la possibilità a futuri medici di svolgere periodi di tirocinio e stage presso Ospedali di tutto il mondo e vede Palermo protagonista e leader negli scambi internazionali.
 
Palermo, infatti, è la città che quest'anno accoglierà il maggior numero di studenti stranieri. In totale sono 120 gli studenti giunti nel capoluogo siciliano e che svolgeranno periodi di formazione presso gli ospedali palermitani. Un'offerta formativa arricchita quest'anno anche dalla presenza di ISMETT. Il centro trapianti palermitano ha, infatti, aderito per la prima volta all'iniziativa grazie ad una convenzione siglata fra ISMETT e SISM.
 
 
L'accordo permetterà agli studenti di partecipare alle attività di ricerca scientifica in corso presso ISMETT nel campo dei trapianti e delle terapie connesse alle insufficienze terminali d'organo. Il periodo di formazione coinvolgerà l'area della chirurgia addominale, chirurgia toracica, radiologia, neurologia, anestesia e pneumologia. Nel corso di tutto il periodo di stage, i futuri medici saranno affiancati ad un tutor.
 
La convenzione siglata fra ISMETT e SISM è stata promossa da Dario Ligresti, gaestrenterologo di ISMETT e referente del progetto che ha maturato l'esperienza nei programmi di scambi internazionali nell'ambito accademico grazie al suo ruolo di Local Officer on Medical Education del SISM durante gli anni universitari.
 
Il SISM è un'associazione no profit che si propone di dare un contributo qualificante alla formazione accademica degli studenti di medicina di ogni nazionalità.
 
“Questa iniziativa - spiega Angelo Luca, direttore di Ismett - ancora più interessante perché rivolta ai più giovani, è una conferma che Ismett grazie alla presenza del centro medico dell'Università di Pittsburgh (UMPC) che ne ha la responsabilità gestionale è diventato un centro di riferimento internazionale non solo per le cure di alta specializzazione (circa il 3% dei pazienti vengono da altri paesi, il 6% da fuori regione) ma anche per l'Alta formazione”.
 
“Non tutti sanno - continua Luca - che Ismett ha oltre 60 convenzioni con le principali Università siciliane, italiane e internazionali, tra queste ultime ricordo l'accordo ventennale con l'Università di Pittsburgh che in questi anni ha portato oltre 200 studenti americani a trascorrere periodi di formazione a Palermo e quello più recente firmato con la Repubblica di Malta che, al contrario di quanto avveniva in passato, per la formazione di numerosi professionisti ha preferito ISMETT ai tradizionali ospedali inglesi”.

Articolo pubblicato il 22 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐