Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Migranti: Diciotti, Salvini cede, "Fate scendere a terra i ragazzi"
di Redazione

Poco dopo le 23 i 27 minorenni hanno lasciato la nave e sono stati portati in una struttura messa a disposizione del Comune di Catania.Che fosse permesso loro di scendere a terra lo aveva chiesto la procuratore Caterina Ajello. Per i magistrati "elusi i diritti" dei minorenni non accompagnati a bordo della nave. Il Garante per l'Infanzia, "Nessun respingimento"

Tags: Migranti, Diciotti, Procura Minori Catania, Subito Sbarco Ragazzi, Prefetto, Libertà Civili, Salvini, Toninelli



Poco dopo le 23 sono scesi dalla nave Diciotti i 27 minorenni che si trovano a bordo dell'imbarcazione della Guardia costiera, assieme a 150 adulti.
I ragazzi sono stati trasferiti in due centri di accoglienza messi a disposizione dai Servizi sociali del Comune di Catania.
 
 
Salvini aveva ceduto sui minori in serata, mente era in diretta Facebook: "Sulla nave Diciotti ci sono bambini? Loro scendano, faccio un passo oltre".
 
Poche ore prima la Procura per i minorenni di Catania aveva inviato una lettera al Ministri dell'Interno e a quello delle Infrastruttura Toninelli, al Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione e al Prefetto, con la quale quale chiedeva che "i minorenni non accompagnati" fossero "fatti sbarcare" da nave Diciotti.
 
La notizia resa nota da Unicef-Intersos  era stata confermata dalla procuratore Caterina Ajello.
 
 
Sulla nave della Guardia costiera c'erano dunque, tra i 177 migranti,  27 minorenni non accompagnati.
 
Nella missiva, la Procura per i minorenni di Catania "evidenzia che sono stati elusi i diritti" dei minorenni non accompagnati.
 
Tra questi diritti elusi "il divieto di respingimento, essere accolti in strutture idonee, avere un tutore, presentare domanda di protezione internazionale e di essere ricongiunti ad eventuali parenti regolarmente soggiornanti in altri stati europei".
 
La Procura ha scritto di attendere "riscontro per poter avviare il procedimento a tutela dei minorenni presso il Tribunale per i minorenni cosi come previsto dalle normative vigenti".
 
L'iniziativa della Procuratrice Ajello fa seguito alla segnalazione di 27 minorenni non accompagnati sulla Diciotti segnalati dal team Unicef-Intersos presente a bordo, chiedendo all'Autorità Giudiziaria di "intervenire, per tutelare i diritti riconosciuti dalle convenzioni internazionali, dalla normativa europea e da quella italiana".
 
Intanto l'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza Filomena Albano ha scritto una lettera al Comandante generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Giovanni Pettorino, e al Capo Dipartimento libertà civili del Ministero dell'interno, Prefetto Gerarda Pantalone.
 
La nota richiama il principio che "i minorenni non possono essere respinti e devono essere adeguatamente accolti".
 
Con essa l'Autorità garante chiede con urgenza informazioni ufficiali circa il numero dei minorenni a bordo e se si trovino soli o insieme a familiari o adulti di riferimento.
 
"Queste informazioni sono fondamentali per poter organizzare tempestivamente ed efficacemente le necessarie misure di accoglienza previste dal nostro ordinamento giuridico, in attuazione alle norme nazionali e agli obblighi internazionali" si legge nella nota.
 
"Misure previste sia a favore dei minorenni che arrivano soli nel nostro Paese, per i quali l'art. 3 della legge 47/2017 stabilisce che: 'In nessun caso può disporsi il respingimento alla frontiera di minori stranieri non accompagnati'; sia nei confronti dei ragazzi che arrivano accompagnati da un adulto, in quanto, in questi casi, occorre preliminarmente accertare la reale sussistenza di un rapporto di filiazione o di un legittimo affidamento".
 
"Tenere anche i minorenni non accompagnati fermi per sette giorni su una nave senza avere potuto vedere un documento amministrativo da potere impugnare è uno scandalo incredibile, una violazione dello stato di diritto".
 
E' l'opinione di Cesare Fermi, responsabile Migration di Intersos, l'Ong che ha attivato la Procura per i minorenni di Catania e che era pronta a presentare un ricorso al Tribunale Europeo per i diritti dell'uomo.
 
"Sulla nave stanno tutti bene - sottolinea Fermi - e la guardia costiera sta facendo un grande lavoro per coinvolgere i profughi. Anche se la nostra percezione è che questa situazione la vivano non imbarazzo, ma loro sono veramente bravi". Sanno lavorare con grande esperienza anche i volontari di Intersos a bordo di nave Diciotti nell'ambito di un progetto dell'Unicef. Con calma e pazienza hanno aspettato che l'unica minorenne somala non accompagnata a bordo si sia 'sbloccata', superando shock psicologici e fisici, e finalmente ieri sia tornata a parlare, dicendo pochissime parole che sono le premesse di un ritorno alla normalità.
 
"Vengono tutti - spiega Fermi - dai campi in Libia, e molti di loro hanno segni di violenza addosso, come un ragazzino che ha una cicatrice sotto un braccio. Le loro sono storie drammatiche alla quale bisogna porre fine al più presto, nel rispetto del diritto umano e del senso di civiltà e legalità".

Articolo pubblicato il 22 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Migranti: Diciotti, il Papa, accolti in "Mondo Migliore" -
    Francesco spiega che i cento rifugiati presi in carico dalla Chiesa "saranno accolti e cominceranno a imparare la lingua e a essere integrati" nel centro di Rocca di Papa, nel Lazio. Il sindaco Crestini, "Pronti all'accoglienza". Ieri fermati quattro presunti scafisti, identificati dai profughi
    (27 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini indagato, atti al Tribunale Ministri -
    La Procura di Agrigento ha iscritto il vicepremier nel registro degli indagati per i reati di sequestro di persona, abuso d'ufficio e arresto illegale. Indagato anche il capo di Gabinetto del Viminale. Secondo i magistrati avrebbero privato illegalmente della libertà personale i profughi soccorsi dalla nave Diciotti. Il capo della Lega, "Vergogna, serve una riforma della Giustizia". L'Anm, "Basta interferenze". L'argomento oggetto di una riunione del Csm
    (26 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la Chiesa salva la situazione -
    Tutti sbarcati dopo la mezzanotte i migranti hanno trascorso una notte tranquilla a Messina. La Cei, facendosi carico di un centinaio dei profughi, ha consentito di uscire dal terribile stallo in cui il Governo aveva costretto l'Italia. Il messaggio di papa Francesco. Altri quaranta migranti divisi tra Albania e Irlanda. Salvini, indagato, si dice "orgoglioso" degli accordi che hanno portato allo sbarco. La fronda nel M5s contro di lui e il tweet boomerang di Di Maio
    (26 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la Sicilia si mobilita -
    Oggi, tra proteste della Società civile, sciopero della fame sulla nabe e magistratura che interroga dirigenti e funzionari del Viminale, potrebbe essere il giorno clou per la soluzione della vicenda. Da alcuni segnali Salvini sembrerebbe in procinto di attuare una "exit strategy" per uscire dal cul de sac in cui ha cacciato il Governo e l'Italia. Il nostro Paese, secondo il Garante per le persone private della libertà, rischia un'incriminazione per "trattamenti inumani"
    (25 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, cominciano gli sbarchi -
    I primi diciassette sono stati ordinati dall'Ufficio di Sanità Marittima per motivi di salute e dunque senza che fosse necessario il via libera del Ministero degli Interni. Tre casi di sospetta tubercolosi, due di polmonite e un'infezione urinaria, a terra anche le undici donne, tutte violentate in Libia. MA QUATTRO RESTANO A BORDO PER NON LASCIARE I PARENTI. I Vescovi siciliani pronti allo sciopero della fame. Manifestanti forzano il cordone. L'ALBANIA SI OFFRE DI OSPITARE ALCUNI PROFUGHI.
    (25 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Unhcr e Oim a Governo, "Fateli sbarcare" -
    Schillig, "Uscire dall'impasse". Per De Luca (Pd) la colpa è di leghisti e grillini "che non votarono la riforma del regolamento di Dublino". Tajani, presidente dell'Europarlamento, conferma: i Visegrad osannati da Salvini "devono farsi carico del problema o essere sanzionati". Intanto si aggrava l'emergenza umanitaria a bordo. Il comandante della nave Kothmeier: "Siamo al limite. Quarto giorno di sciopero della fame radicale
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, appelli, scheletrini e i dubbi del comandante -
    Nel quarto giorno a Catania nuova richiesta d'intervento a Mattarella dalle Magliette rosse. Intanto si apprende che Kothmeir temeva di essere arrestato. Le perplessità per gli ordini impartiti via social. Boldrini, "Governo dei tweet". Gli orrori raccontati dai minorenni sbarcati. Il più magro pesa trenta chili. Rota (Cgil), "Ci allontaniamo dalla democrazia"
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Miccichè, "Salvini stronzo". Martina, "Di Maio dice cose false" -
    Dopo tweet e post su Fb il Presidente dell'Ars si è recato a Catania con la Commissione regionale Sanità. Per il segretario dem un disastro il "ricollocamento volontario" voluto in Europa dai pentaleghisti. Durissimo anche Grasso: "Esci dal Viminale"
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Conte, "Ipocrisia Ue". Magistrati al Viminale -
    L'Europa ha confermato quanto era stato previsto dalle opposizioni e il premier, su Fb, ha continuato sulla linea delle minacce inaugurate da Salvini e Di Maio. A Conte è stato chiesto di riferire in Parlamento anche sul fatto che il procuratore di Agrigento Patronaggio sarà a Roma per sentire i funzionari del Ministero dell'Interno
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Fico, "Sbarcateli!" Salvini, "Fai il presidente della Camera" -
    Il Ministro dell'Interno innalza il livello dello scontro istituzionale rispondendo duramente al Presidente della Camera che aveva chiesto di far scendere a terra i migranti a Catania. Ma attaccando anche il presidente Mattarella e il premier Conte: "O cambiate Paese o cambiate ministro". Intanto sono salite a quattro le Procure che stanno indagando sulla vicenda
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la protesta dell'arancino -
    Migliaia di persone, secondo stime degli organizzatori, si sono presentate sul molo di levante con questa pietanza simbolo di accoglienza e sono rimasti fino a notte inoltrata. Una manifestazione partita dagli artisti
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini torna sui suoi passi -
    Ieri il "Processatemi" alla magistratura, oggi "Pronto a spiegare le mie ragioni". Ma i procuratore di Agrigento Patronaggio chiarisce, "Competenza del Tribunale dai ministri". Poi sottolinea, "Sulla nave una realtà devastante". Oggi ispezione del Garante delle persone private della libertà
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini cede, "Fate scendere a terra i ragazzi" -
    Poco dopo le 23 i 27 minorenni hanno lasciato la nave e sono stati portati in una struttura messa a disposizione del Comune di Catania.Che fosse permesso loro di scendere a terra lo aveva chiesto la procuratore Caterina Ajello. Per i magistrati "elusi i diritti" dei minorenni non accompagnati a bordo della nave. Il Garante per l'Infanzia, "Nessun respingimento"
    (22 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini sfida i pm di Agrigento, "Processatemi" -
    I magistrati ipotizzano i reati di sequestro di persona e arresto illegale in un'inchiesta a carico di ignoti. Il ministro, "Non sono ignoto". Martina, "Smettila di fare il bullo da quattro soldi". Conte, "Italia abbandonata"
    (22 agosto 2018)


comments powered by Disqus