Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Migranti: Diciotti, Salvini torna sui suoi passi
di Redazione

Ieri il "Processatemi" alla magistratura, oggi "Pronto a spiegare le mie ragioni". Ma i procuratore di Agrigento Patronaggio chiarisce, "Competenza del Tribunale dai ministri". Poi sottolinea, "Sulla nave una realtà devastante". Oggi ispezione del Garante delle persone private della libertà

Tags: Migranti, Diciotti, Catania, Salvini, Magistratura, Patronaggio



Ieri il ministro dell'Interno Salvini aveva sfidato la Procura di Agrigento che aveva aperto un fascicolo contro ignoti per sequestro di persona affermando, "Sono qua, non sono ignoto, processatemi". Per questa presa di posizione era stato definito "bullo da quattro soldi" dal segretario Dem Maurizio Martina.
 
Oggi, mentre i 150 migranti hanno trascorso un'altra notte all'addiaccio sul ponte della Diciotti ormeggiata nel Porto di Catania,  Salvini è tornato sui suoi passi: "Se c'è qualche procuratore che mi vuole interrogare, sono pronto a spiegare le mie ragioni".
 
 
Ma i procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ha chiarito che "Eventuali valutazioni penali sarebbero di competenza del Tribunale dai ministri".
 
Già ieri la Procura agrigentina, nell'annunciare di aver aperto un'indagine per sequestro di persona e arresto illegale sul trattenimento a bordo della nave Diciotti dei 177 migranti soccorsi dalla Guardia Costiera, aveva specificato come l'inchiesta fosse, per il momento, a carico di ignoti e che le ipotesi di reato inizialmente previste avrebbero potuto essere modificate in base a valutazioni normative ancora in evoluzione vista la complessità del caso.
 
"Per fare un'ispezione - ha spiegato Patronaggio - era tecnicamente necessaria l'apertura del fascicolo per sequestro di persona e arresto illegale. Ma la valutazione tecnico giuridica e l'individuazione degli eventuali responsabili è complessa e mi riservo ogni ulteriore decisione da adottare dopo le indagini che ho delegato alla Guardia costiera".
 
"La politica e l'alta amministrazione - ha aggiunto - sono libere di fare le scelte che ritengono opportune. Alla magistratura resta la valutazione giuridica di quanto avviene, su sfere e ambiti diversi. Ovviamente qualsiasi limitazione della libertà personale deve fare i conti con norme e regole della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'Uomo, della Costituzione, del Codice penale e del Codice di procedura penale. Non si scappa".
 
Con i giornalisti il magistrato ha parlato poi della situazione trovata a bordo della Diciotti: "I migranti sono quasi tutti affetti da scabbia, una realtà devastante, a cominciare dai cattivi odori che ti restano addosso".
 
Il magistrato ha raccontato di esser stato accompagnato da un appuntato che, mai stato a contatto con la dolorosa realtà dei migranti, ne è rimasto letteralnente sconvolto: "Dottore dal vivo cambia tutto, ci sono cose che non possono essere raccontate dai giornali...".
 
Intanto il Garante delle persone detenute e private della libertà, del quale una delegazione sarà oggi su nave Diciotti su cui da giorni si trovano 150 migranti, è pronto a presentare una comunicazione in Procura ad Agrigento qualora rilevasse situazioni che testimonino una violazione dei diritti.
 
Per l'organismo garante si tratta di un atto dovuto muoversi in questo senso tutte le volte in cui si rilevano condizioni di violenza o trattamento inumano.
 
In questo genere di comunicazione non si riferisce di possibili reati, cosa che spetta alla Procura, ma si fornisce una descrizione di quanto osservato e rilevato per fornire uno strumento di valutazione ai magistrati.

Articolo pubblicato il 23 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Migranti: Diciotti, il Papa, accolti in "Mondo Migliore" -
    Francesco spiega che i cento rifugiati presi in carico dalla Chiesa "saranno accolti e cominceranno a imparare la lingua e a essere integrati" nel centro di Rocca di Papa, nel Lazio. Il sindaco Crestini, "Pronti all'accoglienza". Ieri fermati quattro presunti scafisti, identificati dai profughi
    (27 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini indagato, atti al Tribunale Ministri -
    La Procura di Agrigento ha iscritto il vicepremier nel registro degli indagati per i reati di sequestro di persona, abuso d'ufficio e arresto illegale. Indagato anche il capo di Gabinetto del Viminale. Secondo i magistrati avrebbero privato illegalmente della libertà personale i profughi soccorsi dalla nave Diciotti. Il capo della Lega, "Vergogna, serve una riforma della Giustizia". L'Anm, "Basta interferenze". L'argomento oggetto di una riunione del Csm
    (26 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la Chiesa salva la situazione -
    Tutti sbarcati dopo la mezzanotte i migranti hanno trascorso una notte tranquilla a Messina. La Cei, facendosi carico di un centinaio dei profughi, ha consentito di uscire dal terribile stallo in cui il Governo aveva costretto l'Italia. Il messaggio di papa Francesco. Altri quaranta migranti divisi tra Albania e Irlanda. Salvini, indagato, si dice "orgoglioso" degli accordi che hanno portato allo sbarco. La fronda nel M5s contro di lui e il tweet boomerang di Di Maio
    (26 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la Sicilia si mobilita -
    Oggi, tra proteste della Società civile, sciopero della fame sulla nabe e magistratura che interroga dirigenti e funzionari del Viminale, potrebbe essere il giorno clou per la soluzione della vicenda. Da alcuni segnali Salvini sembrerebbe in procinto di attuare una "exit strategy" per uscire dal cul de sac in cui ha cacciato il Governo e l'Italia. Il nostro Paese, secondo il Garante per le persone private della libertà, rischia un'incriminazione per "trattamenti inumani"
    (25 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, cominciano gli sbarchi -
    I primi diciassette sono stati ordinati dall'Ufficio di Sanità Marittima per motivi di salute e dunque senza che fosse necessario il via libera del Ministero degli Interni. Tre casi di sospetta tubercolosi, due di polmonite e un'infezione urinaria, a terra anche le undici donne, tutte violentate in Libia. MA QUATTRO RESTANO A BORDO PER NON LASCIARE I PARENTI. I Vescovi siciliani pronti allo sciopero della fame. Manifestanti forzano il cordone. L'ALBANIA SI OFFRE DI OSPITARE ALCUNI PROFUGHI.
    (25 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Unhcr e Oim a Governo, "Fateli sbarcare" -
    Schillig, "Uscire dall'impasse". Per De Luca (Pd) la colpa è di leghisti e grillini "che non votarono la riforma del regolamento di Dublino". Tajani, presidente dell'Europarlamento, conferma: i Visegrad osannati da Salvini "devono farsi carico del problema o essere sanzionati". Intanto si aggrava l'emergenza umanitaria a bordo. Il comandante della nave Kothmeier: "Siamo al limite. Quarto giorno di sciopero della fame radicale
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, appelli, scheletrini e i dubbi del comandante -
    Nel quarto giorno a Catania nuova richiesta d'intervento a Mattarella dalle Magliette rosse. Intanto si apprende che Kothmeir temeva di essere arrestato. Le perplessità per gli ordini impartiti via social. Boldrini, "Governo dei tweet". Gli orrori raccontati dai minorenni sbarcati. Il più magro pesa trenta chili. Rota (Cgil), "Ci allontaniamo dalla democrazia"
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Miccichè, "Salvini stronzo". Martina, "Di Maio dice cose false" -
    Dopo tweet e post su Fb il Presidente dell'Ars si è recato a Catania con la Commissione regionale Sanità. Per il segretario dem un disastro il "ricollocamento volontario" voluto in Europa dai pentaleghisti. Durissimo anche Grasso: "Esci dal Viminale"
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Conte, "Ipocrisia Ue". Magistrati al Viminale -
    L'Europa ha confermato quanto era stato previsto dalle opposizioni e il premier, su Fb, ha continuato sulla linea delle minacce inaugurate da Salvini e Di Maio. A Conte è stato chiesto di riferire in Parlamento anche sul fatto che il procuratore di Agrigento Patronaggio sarà a Roma per sentire i funzionari del Ministero dell'Interno
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Fico, "Sbarcateli!" Salvini, "Fai il presidente della Camera" -
    Il Ministro dell'Interno innalza il livello dello scontro istituzionale rispondendo duramente al Presidente della Camera che aveva chiesto di far scendere a terra i migranti a Catania. Ma attaccando anche il presidente Mattarella e il premier Conte: "O cambiate Paese o cambiate ministro". Intanto sono salite a quattro le Procure che stanno indagando sulla vicenda
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la protesta dell'arancino -
    Migliaia di persone, secondo stime degli organizzatori, si sono presentate sul molo di levante con questa pietanza simbolo di accoglienza e sono rimasti fino a notte inoltrata. Una manifestazione partita dagli artisti
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini torna sui suoi passi -
    Ieri il "Processatemi" alla magistratura, oggi "Pronto a spiegare le mie ragioni". Ma i procuratore di Agrigento Patronaggio chiarisce, "Competenza del Tribunale dai ministri". Poi sottolinea, "Sulla nave una realtà devastante". Oggi ispezione del Garante delle persone private della libertà
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini cede, "Fate scendere a terra i ragazzi" -
    Poco dopo le 23 i 27 minorenni hanno lasciato la nave e sono stati portati in una struttura messa a disposizione del Comune di Catania.Che fosse permesso loro di scendere a terra lo aveva chiesto la procuratore Caterina Ajello. Per i magistrati "elusi i diritti" dei minorenni non accompagnati a bordo della nave. Il Garante per l'Infanzia, "Nessun respingimento"
    (22 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini sfida i pm di Agrigento, "Processatemi" -
    I magistrati ipotizzano i reati di sequestro di persona e arresto illegale in un'inchiesta a carico di ignoti. Il ministro, "Non sono ignoto". Martina, "Smettila di fare il bullo da quattro soldi". Conte, "Italia abbandonata"
    (22 agosto 2018)


comments powered by Disqus