Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Migranti: Diciotti, la Sicilia si mobilita
di Pietro Crisafulli

Oggi, tra proteste della Società civile, sciopero della fame sulla nabe e magistratura che interroga dirigenti e funzionari del Viminale, potrebbe essere il giorno clou per la soluzione della vicenda. Da alcuni segnali Salvini sembrerebbe in procinto di attuare una "exit strategy" per uscire dal cul de sac in cui ha cacciato il Governo e l'Italia. Il nostro Paese, secondo il Garante per le persone private della libertà, rischia un'incriminazione per "trattamenti inumani"

Tags: Diciotti, Migranti, Salvini, Governo, Italia, Garante, Società Civile, Proteste



La Sicilia si mobilita per la Diciotti e oggi pomeriggio, alle 17, sul molo di Levante del Porto di Catania un cartello di associazioni manifesterà per chiedere la liberazione di "persone stremate e in precarie condizioni di salute".
 
I manifestanti arriveranno da tutta l'isola e all'iniziativa ha già annunciato il suo sostegno anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.
 
"Nessun obiettivo politico del Governo - spiegano gli organizzatori - può giustificare l'utilizzo di centinaia di vite umane come arma di ricatto, considerate carne da macello, non vite e speranze ma numeri da distribuire o respingere".
 
 
PER FAVORE AIUTATECI
 
Intanto a bordo della Diciotti la tensione continua a salire: al quinto giorno di permanenza nel porto etneo 120 migranti, disperati, hanno intrapreso uno sciopero della fame e hanno chiesto di poter esporre un cartello dal pattugliatore con la scritta in inglese "Please, help us" (per favore aiutateci).
 
"Se finora l'emergenza sanitaria appare scongiurata, da un momento all'altro la situazione potrebbe precipitare perché le condizioni igieniche sono molto precarie", ha detto ieri il presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè, salito a bordo della nave della Guardia costiera insieme a una delegazione della commissione Sanità di Palazzo dei Normanni (e dopo aver dato, su Twitter ed Fb, dello "stronzo" a Salvini).

DA DIECI GIORNI ALL'ADDIACCIO
 
Già cinque i casi gravi di scabbia accertati e una settantina quelli sotto osservazione. Da dieci giorni 130 eritrei, 10 migranti delle Isole Comore, sei bengalesi, due siriani, un egiziano e un somalo dormono all'aperto, sdraiati su cartoni e con un grande telo verde sistemato sul ponte per proteggerli dal caldo e dal freddo. Due bagni chimici per 150 persone con una pompa per l'acqua corrente.
 
Condizioni che il Garante per i diritti dei detenuti ha denunciato inviando un'informativa alle Procure che indagano sul caso.

L'ITALIA RISCHIA CONDANNA PER TRATTAMENTI INUMANI
 
"E' una situazione che mette anche l'Italia a rischio di una condanna in sede internazionale per trattamenti inumani" ha detto Daniela De Robert, capo delegazione dopo la visita alla nave.
 
E ieri a tarda sera è giunta dal Centro nazionale di coordinamento del soccorso marittimo (Mrcc Roma)la notizia di una nuova richiesta da parte della nave Diciotti "di autorizzare lo sbarco dei naufraghi soccorsi per l'estrema criticità della situazione a bordo".
 
Il documento per informazione è stato inviato non solo al Viminale, al gabinetto dei ministeri di Difesa, Trasporti e degli Esteri, ma anche alla Procura nazionale antimafia e alle Procure di Palermo, Catania e Agrigento.

I MAGISTRATI OGGI AL VIMINALE
 
Intanto oggi il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, è a Roma per sentire dirigenti e funzionari del Viminale nell'ambito dell'inchiesta per sequestro di persona e arresto illegale a carico di ignoti.
 
Salvini ieri ha continuato a sfidare la Procura: "Se questo magistrato vuole capire qualcosa gli consiglio di evitare i passaggi intermedi. Siccome c'è questo presunto sequestratore e torturatore, sono disponibile a farmi interrogare anche domani mattina".
 
Ma si tratta di una mera strategia di comunicazione: Salvini fa finta di non sapere che, in quanto senatore, potrebbe essere ascoltato soltanto da testimone e che, semmai, contro di lui, dovrebbe agire il Tribunale dei Ministri.
 
Di certo c'è che, nel marzo scorso, è stato introdotto nel codice penale il reato di "Sequestro di persona a scopo di coazione" che sembra scritto apposta per la Diciotti.

RISCHIO DI RECLUSIONE FINO A TRENT'ANNI
 
L'articolo è il 289 ter e prevede che "chiunque, fuori dei casi indicati negli articoli 289-bis e 630, sequestra una persona o la tiene in suo potere minacciando di ucciderla, di ferirla o di continuare a tenerla sequestrata al fine di costringere un terzo, sia questi uno Stato, una organizzazione internazionale tra più governi, una persona fisica o giuridica o una collettività di persone fisiche, a compiere un qualsiasi atto o ad astenersene, subordinando la liberazione della persona sequestrata a tale azione od omissione, è punito con la reclusione da 25 a 30 anni".
 
GLI SHERPA NON SONO L'UE
 
Sul fronte europeo, ieri a Bruxelles nella riunione dei cosiddetti sherpa, ossia funzionari e non politici Ue, come era stato previsto da tutti tranne che dalla triade Salvini-Di Maio-Conte, non è stato detto nulla di significativo sulla questione, dimostrando che l'Italia è all'angolo.
 
Conte, stretto tra la scelta di Salvini di non cedere sulla questione Diciotti e quella di Di Maio di minacciare l'Europa di un taglio ai contributi all'Ue, se l'è cavata come poteva, ma l'eurodeputata del Pd, Michela Giuffrida, gli ha ricordato che "Se siamo nei guai è colpa sua, del premier, che ha accettato la ricollocazione su base volontaria dei migranti. Per risolvere sul serio risolvere la questione chieda la convocazione straordinaria del Consiglio europeo invece di mostrare i muscoli con quattro dirigenti".
 
Le cose, insomma, non sono affatto messe bene.
 
Il ministro dell'Interno, che a prescindere dai proclami ha un grande intuito politico, da alcuni segnali sembrerebbe stia ipotizzando una "strategia d'uscita" valutando, sono parole sue,  "la possibilità di fare procedure di identificazione e riconoscimento per individuare profughi veri, che sono la minoranza, dai finti profughi prima ancora che le persone sbarchino".
 
Questa, insomma, potrebbe essere la giornata in cui il problema comincia a venir risolto.
 
Intanto, nei confronti di Salvini, è scattata anche una denuncia per istigazione all'odio razziale (legge Mancino), aggravata dalla posizione di responsabile di una pubblica funzione.
 
A presentarla sono stati alcuni cittadini alla Procura della Repubblica di Treviso.
 
Per i firmatari il reato si sarebbe consumato attraverso una serie di affermazioni pubbliche rese dal capo della Lega tra giugno e luglio. E tra esse la famosa frase "per gli immigrati clandestini è finita la pacchia, preparatevi a fare le valigie, in maniera educata e tranquilla, ma se ne devono andare".

Articolo pubblicato il 25 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Migranti: Diciotti, il Papa, accolti in "Mondo Migliore" -
    Francesco spiega che i cento rifugiati presi in carico dalla Chiesa "saranno accolti e cominceranno a imparare la lingua e a essere integrati" nel centro di Rocca di Papa, nel Lazio. Il sindaco Crestini, "Pronti all'accoglienza". Ieri fermati quattro presunti scafisti, identificati dai profughi
    (27 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini indagato, atti al Tribunale Ministri -
    La Procura di Agrigento ha iscritto il vicepremier nel registro degli indagati per i reati di sequestro di persona, abuso d'ufficio e arresto illegale. Indagato anche il capo di Gabinetto del Viminale. Secondo i magistrati avrebbero privato illegalmente della libertà personale i profughi soccorsi dalla nave Diciotti. Il capo della Lega, "Vergogna, serve una riforma della Giustizia". L'Anm, "Basta interferenze". L'argomento oggetto di una riunione del Csm
    (26 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la Chiesa salva la situazione -
    Tutti sbarcati dopo la mezzanotte i migranti hanno trascorso una notte tranquilla a Messina. La Cei, facendosi carico di un centinaio dei profughi, ha consentito di uscire dal terribile stallo in cui il Governo aveva costretto l'Italia. Il messaggio di papa Francesco. Altri quaranta migranti divisi tra Albania e Irlanda. Salvini, indagato, si dice "orgoglioso" degli accordi che hanno portato allo sbarco. La fronda nel M5s contro di lui e il tweet boomerang di Di Maio
    (26 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la Sicilia si mobilita -
    Oggi, tra proteste della Società civile, sciopero della fame sulla nabe e magistratura che interroga dirigenti e funzionari del Viminale, potrebbe essere il giorno clou per la soluzione della vicenda. Da alcuni segnali Salvini sembrerebbe in procinto di attuare una "exit strategy" per uscire dal cul de sac in cui ha cacciato il Governo e l'Italia. Il nostro Paese, secondo il Garante per le persone private della libertà, rischia un'incriminazione per "trattamenti inumani"
    (25 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, cominciano gli sbarchi -
    I primi diciassette sono stati ordinati dall'Ufficio di Sanità Marittima per motivi di salute e dunque senza che fosse necessario il via libera del Ministero degli Interni. Tre casi di sospetta tubercolosi, due di polmonite e un'infezione urinaria, a terra anche le undici donne, tutte violentate in Libia. MA QUATTRO RESTANO A BORDO PER NON LASCIARE I PARENTI. I Vescovi siciliani pronti allo sciopero della fame. Manifestanti forzano il cordone. L'ALBANIA SI OFFRE DI OSPITARE ALCUNI PROFUGHI.
    (25 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Unhcr e Oim a Governo, "Fateli sbarcare" -
    Schillig, "Uscire dall'impasse". Per De Luca (Pd) la colpa è di leghisti e grillini "che non votarono la riforma del regolamento di Dublino". Tajani, presidente dell'Europarlamento, conferma: i Visegrad osannati da Salvini "devono farsi carico del problema o essere sanzionati". Intanto si aggrava l'emergenza umanitaria a bordo. Il comandante della nave Kothmeier: "Siamo al limite. Quarto giorno di sciopero della fame radicale
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, appelli, scheletrini e i dubbi del comandante -
    Nel quarto giorno a Catania nuova richiesta d'intervento a Mattarella dalle Magliette rosse. Intanto si apprende che Kothmeir temeva di essere arrestato. Le perplessità per gli ordini impartiti via social. Boldrini, "Governo dei tweet". Gli orrori raccontati dai minorenni sbarcati. Il più magro pesa trenta chili. Rota (Cgil), "Ci allontaniamo dalla democrazia"
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Miccichè, "Salvini stronzo". Martina, "Di Maio dice cose false" -
    Dopo tweet e post su Fb il Presidente dell'Ars si è recato a Catania con la Commissione regionale Sanità. Per il segretario dem un disastro il "ricollocamento volontario" voluto in Europa dai pentaleghisti. Durissimo anche Grasso: "Esci dal Viminale"
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Conte, "Ipocrisia Ue". Magistrati al Viminale -
    L'Europa ha confermato quanto era stato previsto dalle opposizioni e il premier, su Fb, ha continuato sulla linea delle minacce inaugurate da Salvini e Di Maio. A Conte è stato chiesto di riferire in Parlamento anche sul fatto che il procuratore di Agrigento Patronaggio sarà a Roma per sentire i funzionari del Ministero dell'Interno
    (24 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Fico, "Sbarcateli!" Salvini, "Fai il presidente della Camera" -
    Il Ministro dell'Interno innalza il livello dello scontro istituzionale rispondendo duramente al Presidente della Camera che aveva chiesto di far scendere a terra i migranti a Catania. Ma attaccando anche il presidente Mattarella e il premier Conte: "O cambiate Paese o cambiate ministro". Intanto sono salite a quattro le Procure che stanno indagando sulla vicenda
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, la protesta dell'arancino -
    Migliaia di persone, secondo stime degli organizzatori, si sono presentate sul molo di levante con questa pietanza simbolo di accoglienza e sono rimasti fino a notte inoltrata. Una manifestazione partita dagli artisti
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini torna sui suoi passi -
    Ieri il "Processatemi" alla magistratura, oggi "Pronto a spiegare le mie ragioni". Ma i procuratore di Agrigento Patronaggio chiarisce, "Competenza del Tribunale dai ministri". Poi sottolinea, "Sulla nave una realtà devastante". Oggi ispezione del Garante delle persone private della libertà
    (23 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini cede, "Fate scendere a terra i ragazzi" -
    Poco dopo le 23 i 27 minorenni hanno lasciato la nave e sono stati portati in una struttura messa a disposizione del Comune di Catania.Che fosse permesso loro di scendere a terra lo aveva chiesto la procuratore Caterina Ajello. Per i magistrati "elusi i diritti" dei minorenni non accompagnati a bordo della nave. Il Garante per l'Infanzia, "Nessun respingimento"
    (22 agosto 2018)
  • Migranti: Diciotti, Salvini sfida i pm di Agrigento, "Processatemi" -
    I magistrati ipotizzano i reati di sequestro di persona e arresto illegale in un'inchiesta a carico di ignoti. Il ministro, "Non sono ignoto". Martina, "Smettila di fare il bullo da quattro soldi". Conte, "Italia abbandonata"
    (22 agosto 2018)


comments powered by Disqus