Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Turismo enogastronomico, opportunità per le startup
di Rosario Battiato

Fino a lunedì c’è tempo per partecipare al programma “Food&wine tourism” promosso dal Mibac e gestito da Invitalia

Tags: Turismo Enogastronomico, Startup, Impresa



PALERMO – Ancora qualche giorno di tempo e di speranza. Fino al mezzogiorno di lunedì, giovani imprenditori di tutta Italia potranno partecipare al programma “Food&wine tourism” in vista dell’ultimo Accelerathon del 2018 di FactorYmpresa Turismo, il programma promosso dal Mibac e gestito da Invitalia che offre “servizi di tutoraggio e contributi economici – si legge sul sito dell’Agenzia nazionale del ministero dell’Economia – alle imprese e agli aspiranti imprenditori della filiera turistica, con l’obiettivo di far crescere qualitativamente l’offerta e rendere l’Italia più competitiva sui mercati internazionali”.
 
L’attesa è tutta concentrata sui prossimi 20 e 21 settembre, quando le 20 migliori startup selezionate da Invitalia nell’ambito del turismo enogastronomico si confronteranno con i loro business plan in una full immersion di 36 ore. A seguirli e indirizzarli ci saranno tutor e mentor di Invitalia per “accelerare” lo sviluppo dei loro progetti “in grado di elevare la qualità e il tasso di innovazione del turismo enogastronomico e per migliorare le capacità del team di presentare il progetto a potenziali investitori/partner/clienti”.
 
Tempi risicati per partecipare alla sfida: a disposizione soltanto qualche giorno di tempo per la scadenza fissata di lunedì, giorno 20 settembre, alle 12. I temi richiesti per avere maggiori possibilità di essere selezionati riguardano, in generale, gli ambiti dell’esperienza turistica e del marketing & export e territorio.
 
I piani degli startupper dovranno proporre strategie per creare valore per “verificare punti di forza e di debolezza del modello di business”, “definire come rafforzare il progetto individuando il fabbisogno di servizi specialistici”, “preparare un pitch di massimo 3 minuti per presentarsi alla giuria”.
 
Saranno soltanto dieci le startup che, alla fine dell’Accelerathon, verranno selezionate da una giuria nominata dal MiBAC e da Invitalia. Il premio consiste in un sostegno finanziario da 10 mila euro da utilizzare per lo sviluppo del progetto imprenditoriale.
Le agevolazioni, progressive per fasi e cumulabili, consistono, in dettaglio, in un beneficio reale in servizi di accompagnamento e mentoring per un valore di 1.500 euro e in un contributo in denaro di 10 mila euro.
 
La partecipazione è interamente online. Sulla piattaforma di FactorYmpresa Turismo si può presentare l’idea di business (massimo 15 slide). Prima di attivarsi, è comunque opportuno controllare in dettaglio il regolamento. L’accesso è consentito a persone fisiche, anche in team, sebbene l’ammissione all’agevolazione ne comporterebbe l’impegno a costituire un’impresa, alle singole aziende, con costituzione non anteriore al primo gennaio del 2014, e alle startup innovative regolarmente costituirete e iscritte nell’apposita selezione speciale del Registro delle imprese.
 
All’interno del regolamento ci sono le varie griglie di valutazione con la distribuzione dei punteggi per criterio e le varie fasi: dalla presentazione delle idee di business per accedere ai servizi di accompagnamento e mentoring alla seconda fase di selezione per accedere al contributo in denaro.

Articolo pubblicato il 07 settembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus