Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds

Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Direttore Carlo Alberto Tregua



Lombardo, no al petrolio nelle termocentrali
di Carlo Alberto Tregua

Morto il rigassificatore, usare gas algerino

Tags: Raffaele Lombardo, Rigassificatore, Triangolo Della Morte



Da notizie assunte negli ambienti risulta che la Jonio Gas, società del gruppo Erg-Shell, abbia rinunciato alla costruzione del rigassificatore dentro il Triangolo della morte per il “no” deciso del Governo Lombardo. La ovvia rinunzia poteva essere supportata da motivazioni ambientali, fornendo risposte circa l’estrema pericolosità dei trasporti ferroviari di materiale pesante all’interno dell’area, ove insistono complessivamente 232 serbatoi di greggio e raffinato, per una capacità di circa tre milioni di tonnellate di metri cubi. Ad ogni modo, la partita sembra chiusa e ci auguriamo che non ci si ritorni ancora una volta.
Sembra chiusa anche la partita del possibile insediamento di una centrale nucleare in Sicilia, superproduttrice  di energia, in conseguenza dell’odg votato all’unanimità dall’Ars e appoggiato senza remore dal Governo regionale. Attendiamo che lo stesso formalizzi il no con ricorso alla Corte costituzionale, come hanno fatto già 13 Regioni.

Ora poniamo all’attenzione del Governo regionale un’altra e non meno importante questione dell’inquinamanto ambientale in Sicilia. Ci sono, infatti, circa la metà delle centrali termoelettriche alimentate ancora oggi con olio combustibile, derivato dal petrolio. Sembra incredibile che nella nostra Isola, attraversata in lungo e in largo dai tubi di gas provenienti dal Nord Africa, si utilizzi ancora il petrolio per produrre energia elettrica.
Le termocentrali fanno orecchie da mercante rispetto alla necessità di trasformare l’alimentazione delle turbine da petrolio a gas. Certo, occorrono investimenti, ma la salute dei siciliani prevale sull’interesse di imprese che inquinano.
Nell’inchiesta all’interno potrete leggere di quali strumenti legali dispone la Regione per indurre le imprese che gestiscono le termocentrali ad effettuare la trasformazione in parola.
Nella comunità siciliana deve cessare la prevalenza degli interessi privati su quelli generali. Il Governo Lombardo ha il dovere di procedere a ribaltare l’insana questione.
L’epoca delle raccomandazioni, dei famigli e degli amici è definitivamente tramontata, perché d’ora in avanti le Istituzioni regionali devono utilizzare tutte le risorse disponibili (europee, statali e regionali) per investimenti in attività produttive o in infrastrutture.
 
Si ricorda ancora una volta  che per ogni miliardo investito utilmente, si mettono in moto migliaia di posti di lavoro che producono ricchezza e non passività, come quelle della Pubblica amministrazione ove molti  dipendenti sono del tutto superflui. è questa l’autostrada che deve percorrere il Governo, se vuole ribaltare il discusso clientelismo che genera spreco, parassitismo e mantiene l’attuale sottosviluppo.
L’iniziativa del Governo volta all’utilizzazione del gas anziché dell’olio combustibile nelle termocentrali della Sicilia, non solo avrebbe il risultato di abbattere di dieci volte l’inquinamento nelle rispettive aree, ma darebbe un segnale che chi lavora qui deve rispettare le stesse regole di chi lavora in Lombardia o in qualunque altra regione d’Europa.
Così come abbattere lo sfruttamento colonizzatore dell’Isola e promuovere investimenti dall’estero verso l’industria blu (turistica) e verso l’industria verde (ambientale). Sappiamo bene che questa linea di politica economica cozza contro interessi di corporazioni consolidate, ma non c’è alternativa.

La Sicilia è una delle cinque regioni italiane a più alto tasso d’inquinamento perché circa la metà dell’energia elettrica è prodotta utilizzando olio combustibile. L’attivazione della centrale Archimede a Priolo, costruita dall’Enel, è una svolta positiva nel settore. L’annunciata costruzione di una fabbrica di pannelli solari a catania da una joint-venture Stm-Sharp - Enel, nonché l’avvenuta inaugurazione della fabbrica di Casteltermini dell’imprenditore Moncada sono altri due fattori positivi che vanno sottolineati.
La Regione dovrebbe promuovere l’utilizzazione dei pannelli solari istituendo un iter autorizzativo totalmente informatizzato, in modo che chiunque voglia procedere a installare un impianto solare possa farlo senza difficoltà, anche utilizzando le facilitazioni e gli sgravi previsti dalla legge.
Anche questa attività, se ben guidata, mette in moto migliaia di posti di lavoro produttivi di ricchezza, scaricando i posti di lavoro passivi che si trovano nella Pubblica amministrazione.

Articolo pubblicato il 30 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

RSS© 2001 Ediservice S.r.l. - P.I. 01153210875 - Tutti i diritti riservati / Coordinamento e aggiornamento Blu Media / Realizzazione Francesco Grasso / Grafica Neri & Dodè / Hosting Impronte digitali