Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ogni nuovo ispettore è costato 50.000 euro
di Michele Giuliano

Dovevano essere formati in 300 ma hanno finito il corso in 78. Il costo totale dell’operazione è stato di quasi 4 mln

Tags: Lavoro, Lavoro Nero



Erano partiti in 300, sono arrivati in 78 ad essere formati da ispettori del lavoro a tutti gli effetti. Costo del progetto formativo però immutato: 3 milioni 846 mila 537,80 euro. Facendo due semplicissimi calcoli vuol dire che la formazione di ogni nuovo ispettore è costata alla fine 49 mila e 300 euro. Alla faccia della crisi e delle asciutte casse della Regione.
Ad avere realizzato il percorso formativo il Ciapi, ente di formazione direttamente controllato dall’assessorato regionale al Lavoro.
L’affidamento del progetto era stato frutto di un protocollo d’intesa firmato il 22 dicembre del 2004 tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Siciliana. Lo scopo era quello di organizzazione lo svolgimento di corsi finalizzati alla formazione e all’aggiornamento dei dipendenti della Regione Siciliana per i servizi ispettivi del lavoro della Sicilia. Infatti  si è trattato di un concorso interno: ad entrare a far parte del corso di formazione solo dipendenti della Regione. L’iniziativa è stata possibile concretizzarla attraverso l’articolo 40 comma 3 della legge regionale 15/2004 con la quale è stata introdotta la possibilità di assegnare a compiti di ispezione in materia di lavoro “personale in forza presso i servizi degli uffici del lavoro la cui idoneità allo svolgimento dei nuovi compiti è garantita dall’apposita attività di affiancamento al personale già inquadrato quale ispettore del lavoro, nonché attraverso idonei percorsi di formazione, da svolgersi anche mediante corsi telematici”.
Dal 2004 ad oggi di acqua ne è passata sotto i ponti: l’allora assessore regionale al Lavoro Scoma annunciava 300 nuovi ispettori; il suo successore, Carmelo Incardona, ne contava 180. Oggi però la realtà è che ad entrare in servizio saranno appena in 78.

Articolo pubblicato il 02 febbraio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Sommerso e sicurezza fuori controllo -
    Lavoro. Ispezioni insufficienti lavoratori a rischio.
    Irregolarità. L’anno appena trascorso ha fatto segnare 7 mila 438 aziende ispezionate con un’altissima incidenza di irregolarità (un’impresa su due non in regola secondo l’attività svolta dagli ispettorati).
    Nuove forze. Formati 78 nuovi ispettori che si andranno ad integrare ai 257 che già erano in servizio nel 2009. Quindi un incremento del 30 per cento del personale.
    (02 febbraio 2010)
  • Ogni nuovo ispettore è costato 50.000 euro -
    Dovevano essere formati in 300 ma hanno finito il corso in 78. Il costo totale dell’operazione è stato di quasi 4 mln
    (02 febbraio 2010)
  • Un 2009 “nero” per le imprese isolane -
    Oltre cinque mila i lavoratori “sommersi”, nove mila gli irregolari. Il 52 per cento delle aziende controllate non era in regola
    (02 febbraio 2010)


comments powered by Disqus