Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Dissesto, dipendenti salvi dalla tagliola. Bonaccorsi: "Qui non ci saranno esuberi"
di Desirée Miranda

In Comune 2.826 lavoratori: al di sotto dei limiti stabiliti dalla legge per gli enti in default. Secondo i parametri fissati dal ministero  per le città abitate da un numero di persone tra 250.000 e 499.999, il rapporto non può scendere al di sotto di un dipendente ogni 89 abitanti

Tags: Catania, Dissesto, Roberto Bonaccorsi



CATANIA - “Siamo al di sotto del parametro stabilito dal ministero dell’Interno per gli enti locali, quindi non c’è nessun dubbio: non ci sono esuberi al Comune di Catania”. Sono queste le parole dell’assessore al Bilancio, Roberto Bonaccorsi, in vista dell’imminente dichiarazione del dissesto finanziario. Secondo il principale responsabile delle finanze comunali non ci sono dubbi sul fatto che nessuno al Comune rischia il posto di lavoro.
 
Il riferimento di legge è il decreto del 10 aprile del 2017 del ministero dell’Interno che individua i rapporti medi dipendenti-popolazione validi per gli enti in condizioni di dissesto, per il triennio 2017-2019. A stabilire che detti parametri vengano individuati ogni tre anni è l’articolo 263, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, laddove si legge che “con decreto a cadenza triennale, il ministro dell’Interno individua la media nazionale per classe demografica della consistenza delle dotazioni organiche per i Comuni e le Province ed i rapporti medi dipendenti-popolazione per classe demografica, validi per gli enti in condizioni di dissesto, ai fini di cui all’art. 259, comma 6”.
 
Questo significa che bisogna mettere in rapporto il numero dei dipendenti con il numero della popolazione al 31 dicembre dell’anno precedente. Secondo i dati dell’Istat Catania contava 311.620 residenti lo scorso dicembre, mentre i dipendenti comunali - “tra cui non contiamo i dipendenti delle partecipate”, come specifica l’assessore Bonaccorsi - sono, secondo i dati dello stesso Comune, 2.826. Il rapporto è dunque di circa un dipendente ogni 110 abitanti.
 
Secondo i parametri del triennio 2017/2019, fissati dal ministero dell’Interno, per le città che contano tra i 250.000 e i 499.999 abitanti, il rapporto non può scendere al di sotto di un dipendente ogni 89 abitanti. Come già detto e confermato quindi dall’assessore Bonaccorsi, Catania sta ampiamente oltre questa soglia e così, seppure in gravissime condizioni finanziarie, il Comune non sarà obbligato a licenziare nessuno.
 
Ciò che invece rimane in bilico, e per cui in questi giorni i dipendenti comunali stanno facendo sentire sempre più forte la loro voce, è la mancanza del pagamento degli stipendi. Lo conferma ancora una volta Bonaccorsi: “Il problema è di liquidità, non c’entra nulla con la quadratura”.
 
Una prima risposta concreta potrebbe arrivare a metà dicembre, data in cui si prevede l’erogazione dei due stipendi di ottobre e novembre. A seguito dell’approvazione del bilancio consuntiv,o la Regione dovrebbe deliberare le anticipazioni e il trasferimento di alcune somme al Comune. Anche gli introiti comunali come l’Imu dovrebbero portare un po’ di liquidità nelle casse comunali e con questi soldi dovrebbero essere pagati tredicesima e stipendio.
 
Inoltre, il governo nazionale dovrebbe mandare un po’ di liquidità attraverso il Fondo di solidarietà comunale. Si tratta di un contenitore per i rapporti economici tra Stato e Comuni, alimentato da una quota dell’Imposta municipale propria (Imu), e attraverso il quale i Comuni ricevono una ripartizione di questi introiti, tenendo conto dei costi e fabbisogni standard (criteri perequativi) nonché della variazione di gettito e delle variazioni nelle risorse disponibili comunali in seguito alla soppressione del precedente fondo (criteri compensativi). Si attendono circa 30 milioni di euro, ma ad oggi, nonostante le ripetute richieste, non è arrivata risposta.

Articolo pubblicato il 28 novembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Catania - Dissesto, il Governo partorisce "l'aiutino" per la Giunta, ma se ne frega dei fornitori -
    Primo ok alla Camera all’emendamento ribattezzato Salva Catania. Che però non salva affatto la città né tende una mano ai creditori, ma si limita a eliminare le sanzioni aprendo qualche spazio di manovra in più per la Giunta
    (07 dicembre 2018)
  • Catania - Dissesto, dipendenti salvi dalla tagliola. Bonaccorsi: "Qui non ci saranno esuberi" -
    In Comune 2.826 lavoratori: al di sotto dei limiti stabiliti dalla legge per gli enti in default. Secondo i parametri fissati dal ministero  per le città abitate da un numero di persone tra 250.000 e 499.999, il rapporto non può scendere al di sotto di un dipendente ogni 89 abitanti
    (28 novembre 2018)
  • Gino Ioppolo: "Ecco come ho salvato Caltagirone" -
    Il sindaco Gino Ioppolo ci spiega come è riuscito a salvare Caltagirone: “Mi dissero che ero il sindaco più sfortunato d’Italia, ma sono uscito dal dissesto”
    (24 novembre 2018)
  • Dissesto del Comune, mani legate alla Giunta -
    LE FINANZE DEGLI ENTI LOCALI (3a puntata) - Ecco come la deliberazione del default limita i poteri e la libertà di azione dell’Amministrazione comunale
    (21 novembre 2018)
  • Catania - L'aut aut della Regione al Comune: dissesto in 30 giorni o Commissario -
    Intanto la Dusty annuncia di non poter pagare gli stipendi. Cantarella non ci sta: “I soldi arriveranno”
    (16 novembre 2018)
  • Il Comune di Catania in default, una guida in 9 punti -
    LE FINANZE DEGLI ENTI LOCALI (la sintesi). Le conseguenze del dissesto per creditori, dipendenti, cittadini e amministratori responsabili
    (15 novembre 2018)
  • Catania, Comune in default, sanzioni ai responsabili -
    LE FINANZE DEGLI ENTI LOCALI (2a puntata) - Il dissesto ha un alto prezzo da pagare per dipendenti e cittadini, ma anche per gli amministratori che hanno trascinato l’Ente nel baratro
    (14 novembre 2018)
  • Catania - Ecco cosa succede quando un Comune va in dissesto -
    LE FINANZE DEGLI ENTI LOCALI (1a puntata) - Catania l’ultima città coinvolta nella procedura che ha gravi ripercussioni per imprese creditrici, dipendenti e cittadini
    (13 novembre 2018)
  • Catania - Pogliese: "Ecco perché il Comune non può avvalersi del decreto Milleproroghe" -
    Abbiamo ascoltato il parere del sindaco di Catania Salvo Pogliese e dell'assessore al Bilancio Roberto Bonaccorsi. I creditori devono avere 200 milioni di euro: “Verrà pagato tra il 40 e il 60 %”
    (09 novembre 2018)
  • Catania condannata al default, Bonaccorsi: "La Corte ha escluso ogni possibilità" -
    Nessuna speranza per salvare Catania dal dissesto. Lo confermano in due interviste esclusive al QdS il sindaco Pogliese e l’assessore Bonaccorsi. Il Consiglio comunale, per dare un segnale, potrebbe rinunciare al gettone di presenza
    (09 novembre 2018)
  • Dissesto: Catania bocciata dalla Corte dei Conti -
    Le sezioni riunite hanno rigettato il ricorso del Comune che prevedeva l'annullamento della delibera emessa dalla sezione di controllo della stessa Corte dei Conti. Pogliese, "La decisione ci toglie ogni possibilità di evitare il default".  Il nostro direttore Carlo Alberto Tregua, "Catania va salvata a tutti i costi, approvare il Consuntivo 2017".
    (07 novembre 2018)
  • Catania: sit in contro il dissesto, presto un corteo -
    Il dodici novembre con lo slogan "Nessuno spenga la luce". Oggi in piazza Duomo la manifestazione di sindacati, coop e associazioni per appoggiare la richiesta del sindaco Pogliese al Governo di un contributo straordinario. Ha aderito Bianco (Anci), "Il Comune approvi subito il consuntivo per ottenere la liquidità, non va disperso lo sforzo che la città ha sostenuto"
    (31 ottobre 2018)


comments powered by Disqus