Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Primarie Pd in Sicilia, i candidati "scaldano i motori"
di Patrizia Penna

Polemica sull’invito alla Leopolda Sicula di Micciché. Piccione e Faraone: modelli alternativi di partito

Tags: Partito Democratico, Primarie, Davide Faraone, Teresa Piccione



PALERMO - Tour elettorale in Sicilia orientale per Teresa Piccione, candidata alla segreteria regionale del Pd in Sicilia alle primarie del 16 dicembre. Domani alle 16 sarà a Siracusa all’hotel Parco delle Fontane in via Scala Greca 325 per presentare il suo programma dal titolo ‘Voltiamo pagina’, a seguire, alle 17.30, sarà in conferenza stampa all’hotel Principe in via Alessi a Catania, dove alle 18 incontrerà attivisti e simpatizzanti.
 
Sabato 1 dicembre, invece, Piccione si sposterà a Messina: appuntamento alle 11, nella sede del Pd in via Ettore Lombardo Pellegrino 48. Alle 17 la candidata si trasferirà a Barcellona Pozzo di Gotto.
 
L’altro candidato alla segreteria regionale alle primarie del 16 dicembre è Davide Faraone il quale ieri è intervenuto sull’ipotesi di una scissione dei renziani dal partito in Sicilia: “Mi sto candidando a segretario del Pd in Sicilia. Credo in questa comunità e ci sto mettendo la faccia, avendo tutto da perdere. Se volevo andare via non mi sarei candidato, vuol dire che ci credo”.
 
Faraone ha così risposto a distanza alle accuse della sua ‘sfidante’, secondo la quale i renziani puntano a snaturare il Pd come testimonia l’invito alla Leopolda sicula del presidente dell’Assemblea regionale siciliana e coordinatore azzurro nell’Isola, Gianfranco Miccichè.
 
“Quando Micicchè va alle feste dell’Unità o ci è andato Fico o qualsiasi altro presidente della Camera e del Senato non c’è la polemica e se li invito io sì. Il tema è un altro, invece. Io ho un modello di partito radicalmente alternativo perché credo che dobbiamo costruire un contenitore che aggreghi tutti quelli che pensano che la Lega e il M5s siano due forze populiste, pericolose, antimeridionaliste e razziste. Noi dobbiamo essere aperti al contributo di tutti”.

Articolo pubblicato il 29 novembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus