Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Gilet gialli, non basta la moratoria sui carburanti
di Antonino Lo Re

Sabato di nuovo in piazza contro le misure annunciate dal Governo francese

Tags: Gilet Gialli, Francia



PARIGI - Nella giornata di ieri, il primo ministro francese Edouard Philippe ha annunciato una moratoria sull’aumento della tassa dei carburanti che avrebbe dovuto scattare il primo gennaio. Questa la mossa del Governo per cercare di placare protesta partita il 17 novembre e che ha visto ben 300 mila persone bloccare le strade di tutta la nazione.
 
Philippe ha comunicato anche la sospensione per sei mesi del rialzo del prezzo di gas ed elettricità.
“Molti francesi esprimono la loro rabbia...questa rabbia arriva da lontano, ha covato a lungo, spesso è restata silenziosa per pudore o per orgoglio. Oggi viene espressa. Bisognerebbe essere sordi o ciechi per non vederla o non sentirla. Nessuna tassa merita di mettere in pericolo l’unità della nazione”, ha commentato il premier.
 
Nel suo intervento da Matignon , il premier Philippe ha aggiunto: “Questa collera, io la sento”, assicurando di comprenderne “la forza e la gravità”. Il premier ha continuato affermando che “tutti i francesi hanno il diritto di manifestare, ma tutti i francesi hanno anche diritto alla sicurezza. Il governo non accetta le violenze. Gli autori di quelle azioni sono ricercati e verranno puniti. Se sabato ci sarà una nuova giornata di mobilitazione, dovrà essere annunciata e svolgersi nella calma”.
 
Dal canto loro i ‘gilet’ gialli’ si dicono, attraverso i loro diversi portavoce, non soddisfatti dalle concessioni del governo. L’obiettivo era ottenere “l’annullamento dell’aumento delle tasse sui carburanti e non una semplice moratoria”, ha dichiarato uno dei portavoce Benjamin Cauchy ai microfoni di Bfmtv.
 
“Siamo obbligati a manifestare il nostro malcontento” gli ha fatto eco un altro portavoce, Eric Drouet, confermando la manifestazione di sabato a Parigi. “è il solo modo per mostrare che praticamente tutti i gilet gialli non sono per niente d’accordo con le misure annunciate - ha continuato - ed quindi questo continuerà fino a quando non vi sarà il vero cambiamento”. Per Chauchy la moratoria “è un affronto politico camuffato ed un modo per prendere in giro i francesi e rimettere in vigore la tasse dopo sei mesi”.

Articolo pubblicato il 05 dicembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus