Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Etna: altra forte scossa nella notte a Milo
Ha interessato anche i territori di Linguaglossa e Randazzo. Non si segnalano fino a ora danni a persone o cose. Il terremoto, di magnitudo 4.1, con un ipocentro a due chilometri di profondità, è stato avvertito in tutta la zona etne, dove ancora si contano i danni della scossa del 26 dicembre scorso. Domani incontro in Prefettura a Catania

Tags: Terremoto, Etna, Milo



Una scossa di terremoto di magnitudo 4.1 è stata registrata nella notte, poco prima dell'una, a dieci chilometri a nordovest del Comune di Milo, in provincia di Catania, alle pendici dell'Etna.
 
L'evento sismico, che ha riguardato anche i Comuni di Linguaglossa e Randazzo, è stato registrato dagli strumenti dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). L'ipocentro del terremoto è stato rilevato a due chilometri di profondità.
 
Per tutta la notte e fino a questo momento la Protezione civile ha effettuato verifiche sul territorio e non sarebbero stati rilevati danni a persone o cose.
 
"Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile - si legge in un comunicato - non risultano danni a persone o cose".
 
"Il Dipartimento della Protezione Civile - prosegue la nota - continua a seguire l'evolversi della situazione in stretto raccordo con i centri di competenza (Ingv e Unifi) e con la Regione Siciliana".
 
Sulle zone sommitali dell'Etna da diversi mesi si susseguono terremoti e sciami sismici culminati, nella notte tra il 25 e il 26 dicembre, in una forte scossa di magnitudo 4. che dapprima sembrava avesse provocato soltanto una grande paura.
 
Successivamente sono emersi l'uno dopo l'altro danni strutturali alle costruzioni dei Comuni maggiormente colpiti dal sisma.
 
Intanto prosegue il lavoro delle 67 squadre di tecnici attivati presso i 9 Centri operativi comunali dei territori colpiti dal sisma di magnitudo 4.8 del giorno di Santo Stefano. Sono stati eseguiti 4.050 sopralluoghi pari al 62% delle 6.547 istanze presentate.
 
Sono 2.022 (50%) le abitazioni che risultano agibili, quelle parzialmente agibili 1.011 (25%) e la percentuale di quelle inagibili sono 968 (24%) e 39 quelle ritenute non pertinenti. E' salito a 1.334 il numero degli sfollati, di questi 556 hanno fatto ricorso a sistemazioni autonome e 776 sono quelli ospitati in alberghi convenzionati con la Regione Siciliana.
 
Due le persone ospitate in strutture pubbliche.
 
Sono i dati che emergono dall'ultimo report della Protezione civile della Regione Siciliana.
 
Per domani mattina nel Palazzo Minoriti il prefetto di Catania Claudio Sammartino ha convocato una riunione per fare il punto della situazione.
 
Al termine si svolgerà un incontro con i giornalisti.
 
 

Articolo pubblicato il 09 gennaio 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Etna: altra forte scossa nella notte a Milo -
    Ha interessato anche i territori di Linguaglossa e Randazzo. Non si segnalano fino a ora danni a persone o cose. Il terremoto, di magnitudo 4.1, con un ipocentro a due chilometri di profondità, è stato avvertito in tutta la zona etne, dove ancora si contano i danni della scossa del 26 dicembre scorso. Domani incontro in Prefettura a Catania
    (09 gennaio 2019)
  • Scosse sull'Etna "Nella normalità" -
    Ieri sono state tre, fra Zafferana e Bronte. Il vulcanologo Neri, "Non possiamo escludere che si prepari un'eruzione ma non ci sono ancora quei precursori che ne indicano l'imminenza"
    (31 ottobre 2018)
  • Rischio sismico: il coraggio o la paura -
    Il governo Musumeci applichi il Protocollo lanciato dalla Fondazione Marilù Tregua nel 2013 incentivando la ristrutturazione di 1,3 mln di edifici con interessi sui mutui a carico della Regione. Comuni senza Piani di emergenza. Foti (Protezione civile): “Legge non consente di sostituirci ai sindaci”. FIRMA LA PETIZIONE
    (20 ottobre 2018)
  • Terremoto, Paternò conta i danni. Serve un nuovo Piano emergenze -
    Critiche dalle associazioni. Il sindaco: “Al lavoro per aggiornarlo”
    (18 ottobre 2018)
  • Terremoto, aspettando che ci scappino i morti -
    Nell’Isola la metà dei comuni è senza piani di emergenza, un edificio su tre non rispetta le norme antisismiche e intanto la macchina della riqualificazione (che potrebbe muovere 14 mld) è ferma. Danni e crolli in provincia di Catania. Il sindaco di Adrano: “Qui non abbiamo vie di fuga”
    (09 ottobre 2018)
  • Terremoti: Etna, ieri nuova scossa, si contano i danni -
    Oggi scuole chiuse a Biancavilla per consentire i rilievi dei tecnici. Il sindaco di Adrano D'Agate, "Subito un Piano di evacuazione. Pensare anche a mettere in sicurezza i monumernti". La storia dei terremoti più terribili della Sicilia orientale negli ultimi mille anni
    (08 ottobre 2018)
  • Terremoti: Etna, notte di paura -
    Dopo la forte scossa delle 2.34, secondo il governatore Musumeci, "Solo contusi". Il sindaco di Adrano D'Agate in Comune per una conta dei danni, "Non ci sono vie di fuga". Il problema di rassicurare i cittadini in preda al panico. Ieri il primo cittadino di Biancavilla Bonanno dava informazioni sui social
    (06 ottobre 2018)


comments powered by Disqus