Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Sicurezza delle scuole: accordo quadro da 2,2 milioni di euro
di Redazione

Interessati tutti gli edifici d’istruzione e gli asili nido ricadenti nelle circoscrizioni di competenza. La Giunta comunale ha dato il via libera al progetto per gli interventi di manutenzione. L'ELENCO DEGLI EDIFICI SCOLASTICI INTERESSATI

Tags: Scuola, Palermo, Sicurezza



PALERMO – Buone nuove per le famiglie palermitane. La Giunta comunale ha infatti approvato il progetto denominato “Lavori di manutenzione e di pronto intervento negli immobili scolastici e negli asili nido comunali mediante Accordo quadro” per un importo di circa 2,2 milioni di euro.
 
L’appalto, che sarà immediatamente esecutivo in prosecuzione del precedente Accordo quadro, riguarderà tutti gli edifici scolastici e gli asili nido ricadenti territorialmente nelle circoscrizioni di pertinenza per quanto attiene la manutenzione programmata (pulizia di coperture, canali di gronda, imbocchi pluviali e caditoie) e per i lavori di pronto intervento, comprendenti rimozione di parti pericolanti di intonaci e murature, con il ripristino della malta copriferro e trattamento armature con passivante e malta antiritiro, nolo di autoespurgo, nolo di piattaforma aerea, opere provvisionali a salvaguardia della pubblica incolumità.
 
“Gli interventi da realizzare – hanno evidenziato dal Comune - mirano alla conservazione dello stato di efficienza degli immobili in uso all’Amministrazione comunale, di pertinenza dell’Ufficio Edilizia scolastica, quali in particolare Edifici scolastici e Asili nido. Considerato il breve lasso di tempo dalla recentissima approvazione dello strumento di programmazione sono stati previsti gli interventi tecnico- impiantistici di manutenzione più urgenti negli edifici ricadenti nel territorio oggetto del progetto. Le quantità destinate al pronto intervento sono state quantificate sulla scorta dell’esperienze degli anni passati e sono volti a fornire risposte immediate e scongiurare guasti che possono precludere l’utilizzo degli edifici”.
 
Il progetto interesserà i seguenti edifici: nella I^ circoscrizione Ic Rita Atria, plesso Turrisi Colonna, piazza del Gran Cancelliere (impermeabilizzazioni e manutenzione intonaci); II^ circoscrizione Ic Di Vittorio, plesso Mattarella, via Di Vittorio 7 (impermeabilizzazioni e manutenzione intonaci); III^ circoscrizione Ic Mattarella Bonagia, piazza Maria Santissima di Pompei (impermeabilizzazioni, manutenzione intonaci, servizi igienici), Sms Cesareo, sede, via Paratore 36 (rifacimento wc), Ic borgo Ulivia-Pirandello, sede, via Ortigia 19 (impermeabilizzazione e rivestimento piazzale); IV^ circoscrizione Ic Montegrappa Sanzio, plesso Sanzio, via Deodato 3 (impermeabilizzazione e intonaci), Ic Montegrappa Sanzio, plesso Falcone, via Basile 170 (impermeabilizzazione e intonaci); V^ circoscrizione Ic Rita Levi Montalcini, plesso Borsellino, largo Camastra 5,7 (impermeabilizzazione copertura e risanamenti intonaci); VI^ circoscrizione Ic Florio-San lorenzo, plesso Bentivegna, via San Lorenzo 85 (ripristino muro perimetrale); VII^ circoscrizione Ic Sciascia, plesso Smith, via Smith 15 (impermeabilizzazione copertura e risanamenti intonaci).
 
Per quanto riguarda invece gli asili nido, invece, si interverrà sul Maricò di via Pelligra con impermeabilizzazione copertura e risanamenti intonaci.
 
Previsti inoltre interventi sugli impianti elettrici, termici e antincendio per Ic Perez Madre Teresa di Calcutta, plesso Perez, via Perez e Ic Boccadifalco Tomasi di Lampedusa, plesso Tomasi di Lampedusa, via Da Vinci 504.
 
Nell’Accordo, rientrano anche gli interventi urgenti su richiesta delle scuole. “In caso di black-out – hanno comunicato gli uffici comunali - individuazione guasto, sezionamento della parte guasta o in cortocircuito e ripristino, anche se in parte, del servizio. Successivamente riparazione e ripristino totale; eliminazioni di pericolo da contatti diretti a seguito di rotture o parti mancanti di contenitori di apparecchiature elettriche; eliminazione di dispersioni; riparazioni di guasti nelle parti elettriche e idriche di autoclavi, antincendio e centrali termiche”.
 
“L’importo dei lavori – hanno aggiunto dal Comune - comprende una percentuale di interventi di rimozione di parti pericolanti di intonaci e murature con il ripristino della malta copriferro e trattamento armature con passivante e malta antiritiro, nolo di autoespurgo, nolo di piattaforma aerea, opere provvisionali a salvaguardia della pubblica incolumità”.
 
“Per quanto riguarda invece – hanno concluso dal Municipio - il Piano triennale delle opere pubbliche 2018-2020, il cui schema è stato siglato dalla Giunta comunale lo scorso mese di novembre, i progetti avranno un costo complessivo di circa 40 milioni di euro”.

Articolo pubblicato il 10 gennaio 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus