Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

“Inviare i commissari negli enti inadempienti”
di Agostino Laudani

Sul tema anche un’interrogazione parlamentare del senatore Fleres. Battaglia di Assostampa e richieste al Governo Lombardo

Tags: Pa, Trasparenza, Burocrazia, Salvo Fleres, Assostampa



PALERMO - Sull’argomento, intanto, il senatore Fleres ha presentato un’interrogazione al presidente del Consiglio, Berlusconi e al ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto. Ed è proprio dalla politica che ci si attende una svolta e un cambio d’atteggiamento sulla “guerra della comunicazione”.
I vertici degli enti, infatti, tendono a utilizzare la figura del portavoce – professionista nominato dall’Amministrazione e “a tempo” – per i rapporti con la stampa, si disinteressa degli Urp, affidati spesso a burocrati - che li gestiscono da burocrati -, e tende a non istituire gli uffici stampa, rivelatisi strutture di garanzia per i cittadini piuttosto che, come vorrebbero alcuni sindaci e presidenti di provincia, centri di promozione per le attività dell’ente.

Insomma, nella stragrande maggioranza degli enti siciliani il dovere della comunicazione non è percepito, per ignoranza, impreparazione o peggio per convenienza, per tenere i cittadini all’oscuro, come ha sottolineato Adriana Laudani, l’avvocato che ha contribuito alla scrittura della legge 150: “Se si esercitasse – ha detto – la funzione di controllo attraverso la diretta partecipazione dei cittadini, questo basterebbe a rilanciare la funzione pubblica dell’informazione e della comunicazione in Sicilia”.

L’ultimo atto della “guerra della comunicazione” è la richiesta dell’Assostampa al presidente della Regione, Raffaele Lombardo di inviare subito i commissari straordinari in tutti i Comuni, le Province, enti locali e pubblici, che non hanno ancora istituito gli uffici stampa al loro interno, pretendendo l’applicazione del contratto di lavoro dei giornalisti così come previsto dalle attuali norme in Sicilia.
Intanto, in Sicilia i palazzi trasparenti e i cittadini informati continuano a restare un miraggio.

Articolo pubblicato il 10 febbraio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Gli enti locali snobbano i cittadini -
    Burocrazia. La Pa non comunica i cittadini sono isolati.
    Le anomalie. Il regime di prima applicazione della normativa si è concluso già da sei anni. Per i rapporti con la stampa, però, sono impiegati pubblicisti che lavorano nella Pa con altre mansioni.
    Palazzi di vetro. La legge mette al centro delle attività di informazione i cittadini, ma spesso i vertici politici utilizzano la comunicazione solo per interessi di propaganda.
    (10 febbraio 2010)
  • “Inviare i commissari negli enti inadempienti” -
    Sul tema anche un’interrogazione parlamentare del senatore Fleres. Battaglia di Assostampa e richieste al Governo Lombardo
    (10 febbraio 2010)
  • Debiti per 1,5 mln di euro solo al Comune di Palermo -
    Ronsisvalle: “Intervenga la Corte dei Conti”. Cicero: “Esposto in Procura”. Concorso annullato, conto salatissimo verso l’Inpgi
    (10 febbraio 2010)


comments powered by Disqus