Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I borghi-tesoro della Sicilia inesistenti per la Regione
di Dario Raffaele

829 “centri e nuclei storici” ma dalle istituzioni nessun piano di recupero. Cellule attorno a cui sviluppare piani di promozione turistica



PALERMO - Un patrimonio di oltre 800 piccoli borghi o nuclei storici, ignorato dalla Regione.
Sono per l’esattezza 829 i centri e nuclei storici che sono stati censiti dall’assessorato regionale ai Beni culturali all’interno del Piano paesistico.
Il Piano individua quali centri e nuclei storici le strutture insediative aggregate, storicamente consolidate, delle quali occorre preservare e valorizzare le specificità  storico-urbanistico-architettoniche in stretto e inscindibile rapporto con quelle paesaggistico ambientali.

Dal secolo X, borgo indica “un centro abitato di media grandezza e importanza, caratterizzato solitamente da un’economia commerciale e da una zona periferica prevalentemente agricola”. Ma è dal punto di vista turistico che il termine “borgo” assume una valenza tale da farlo diventare l’elemento cardine, la cellula basilare, attorno a cui sviluppare un piano di promozione turistica moderno ed efficace. In questo senso per borgo si intende un luogo opportunamente restaurato ove sono fiorite e sono state valorizzate tutte le attività locali di artigianato, i prodotti agricoli, le cantine, le attività di ristorazione, musei e pinacoteche, un luogo in cui imprenditori avveduti (non ostacolati dalle ragnatele della burocrazia) hanno fatto nascere strutture ricettive a dimensione familiare come Bed and breakfast e agriturismo.

I borghi sono ancora, o dovrebbero essere, quei luoghi dove, sindaci intelligenti e capaci, hanno promosso eventi a tutti i livelli, capaci di attrarre turisti  che vogliono conoscere la storia attraverso le testimonianze di oggi. Intesi in questa concezione moderna, i borghi sono stati e sono la causa della grande ricchezza di regioni come la Toscana, l’Umbria, l’Abruzzo e le Marche, solo per citarne alcune. Ma tutte e quattro insieme queste regioni non posseggono il numero impressionante di borghi (lo ripetiamo, 829) che si trovano in Sicilia.

Articolo pubblicato il 12 febbraio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Regione, propaganda scacciaturisti -
    Turismo. Cosa c’è dietro la crisi del comparto.
    Pernottamenti. Nel 2007 i pernottamenti nelle strutture ricettive dell’Isola registrarono un -1,15% rispetto al 2006. Nel 2008 diminuirono di un ulteriore 4,61% e nel 2009, le prime stime parlano di un crollo del 20%.
    Modello virtuoso. La regione Lombardia ha speso solo 5 mln di € per la promozione turistica nel 2008 (contro i 12,5 della Sicilia) ma i visitatori nei propri musei sono aumentati dell’11,33%.
    (12 febbraio 2010)
  • Per il 2010 tante idee ma non ci sono fondi -
    Valorizzazione dell’Isola tramite prodotti turistici e il web. Si punta a realizzare un calendario unico dei grandi eventi
    (12 febbraio 2010)
  • I borghi-tesoro della Sicilia inesistenti per la Regione -
    829 “centri e nuclei storici” ma dalle istituzioni nessun piano di recupero. Cellule attorno a cui sviluppare piani di promozione turistica
    (12 febbraio 2010)


comments powered by Disqus
La piazza di Castelmola in provincia di Messina
La piazza di Castelmola in provincia di Messina