Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Le misure. Saltuarie le ispezioni negli stabilimenti
di Marina Pupella

Tags: Petrolchimico, Arpa



PALERMO - L’art. 25 del Dlgs 334/99, per evitare che accadano di incidenti rilevanti, prevede che si effettuino periodiche verifiche ispettive negli stabilimenti, in modo da consentire un esame pianificato e sistematico dei sistemi tecnici e delle misure di sicurezza. Le ispezioni devono essere fatte secondo le direttive del ministero dell’Ambiente di concerto fra la Regione siciliana ed i ministeri della Sanità, dell’Interno e dell’Industria. Tuttavia, i controlli vengono eseguiti in maniera saltuaria a causa delle difficoltà di coordinamento dei componenti degli organismi nazionali.
Dai dati desunti dall’Annuario regionale 2006 dell’Arpa (ultime disponibili), emerge come in quell’anno le ispezioni siano state pari al 50 per cento per gli stabilimenti soggetti agli adempimenti secondo l’art. 8 Legge 334/99, ma pari solo al 20 per cento del numero totale degli stabilimenti a rischio operanti sul territorio siciliano.

Articolo pubblicato il 13 febbraio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Priolo, 1 incidente ogni 5 giorni -
    Ambiente. Lo stato delle raffinerie e impianti petrolchimici.
    Il rapporto. Il 31 dicembre scorso l’allora dirigente generale della Protezione civile siciliana, Salvatore Cocina, ha relazionato sulla sicurezza negli stabilimenti industriali della aree a grande rischio ambientale.
    Il contenuto. A Priolo parte degli impianti entrati in funzione tra il 1950 e il 1953 ancora attivi. “Non resisterebbero al terremoto atteso in un’area altamente sismica”. Sottolineata, poi, l’inadeguatezza delle vie di fuga.
    (13 febbraio 2010)
  • Le misure. Saltuarie le ispezioni negli stabilimenti - (13 febbraio 2010)
  • Gli impianti di verifica non rilevano in rempo reale -
    L’altro problema: la cronica insufficienza dei dati di monitoraggio. Nel Triangolo della morte l’Arpa possiede solo 2 centraline
    (13 febbraio 2010)
  • Venturi: fatti passi avanti per il petrolchimico di Gela -
    L’assessore alle Attività produttive: le aziende devono adeguarsi alle norme. “Ma sulle strategie delle aziende non posso intervenire”
    (13 febbraio 2010)


comments powered by Disqus