Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Imprese artigiane, 30 milioni di contributi
di Marina Pupella

Decreto dell’assessore regionale alle Attività produttive. Le domande possono essere presentate dopo la pubblicazione in Gurs. Venturi: “Somme destinate all’acquisto o costruzione di fabbricati, per lavori e messa in sicurezza”

Tags: Marco Venturi, Credito Agevolato, Artigianato



PALERMO - Un decreto firmato dall’assessore regionale alle Attività produttive, Marco Venturi, prevede circa 30 milioni di euro per gli interventi di credito agevolato in favore delle imprese artigiane siciliane. Con il provvedimento sono pertanto approvate le “modalità per la concessione delle agevolazioni” di credito agevolato (contributi in conto interessi e in conto capitale) in favore delle imprese artigiane.
Le domande potranno essere presentate, subito dopo la pubblicazione del provvedimento sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana, all’Artigiancassa Sicilia che gestisce il fondo, tramite istituti bancari, associazioni artigiane di categoria e Confidi artigiani.

“Si tratta di un provvedimento molto atteso - spiega Venturi - e rappresenta una vera boccata d’ossigeno per le imprese artigiane. Il finanziamento è destinato, tra le altre cose, all’acquisto, alla costruzione, all’ampliamento di fabbricati utilizzati per le attività dell’impresa. Le risorse potranno essere utilizzate anche per lavori e impianti finalizzati alla tutela dell’ambiente e alla sicurezza dei luoghi di lavoro, e per le spese di progettazione”.
I finanziamenti potranno essere impiegate per acquistate le aree dove insistono i fabbricati aziendali, macchine, attrezzature e veicoli; per l’acquisizione di sistemi di qualita’, servizi di certificazione e investimenti in innovazione; per trasformare esposizioni bancarie a breve in finanziamenti a medio e lungo termine.

Contributo in conto interessi

L’importo massimo del finanziamento ammissibile al contributo in conto interessi è di 350 mila euro (elevabili a 500 mila a carico delle risorse regionali). In caso di impresa cooperativa l’importo è fissato in 70 mila euro (elevabile a 100 mila con risorse regionali). Il contributo in conto interessi può  variare tra il 60 e l’80% ed ha una durata che varia dai 10 ai 15 anni (per le imprese di nuova costituzione da 12 a 20 anni).

Contributi in conto capitale

A chi beneficia del contributo in conto interessi è riconosciuto un contributo in conto capitale nella misura del 15% della spesa ammissibile, da erogare col contributo in contro interessi.
La domanda di ammissione del finanziamento ai contributi deve essere trasmessa alla sede regionale di Artigiancassa Sicilia entro 6 mesi dalla data di decorrenza del contributo (il contributo decorre dalla data di erogazione del finanziamento; i contributi vengono erogati in una unica soluzione entro 60 giorni dalla data di concessione).
“Per finanziamenti superiore ai 154 mila euro - conclude Venturi - deve essere allegato il certificato di iscrizione all’albo imprese artigiane corredato dall’apposita dicitura antimafia della camera di commercio”. La modulistica necessaria e’ disponibile sul sito: www.artigiancassa.it.

Caratteristiche del finanziamento
Le operazioni di finanziamento possono prevedere un periodo di utilizzo e/o preammortamento della durata massima di: a) 24 mesi per gli investimenti destinati ai fabbricati; b) 12 mesi per gli investimenti destinati all’innovazione; c) 6 mesi per tutte le altre destinazioni.

Articolo pubblicato il 16 febbraio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐