Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Termini, Regione faccia rispettare accordo con Fiat
di Raffaella Pessina

Tags: Rudi Maira, Udc, Ars



Vertenza Termini Imerese. Qual è la posizione del suo partito in riferimento al futuro lavorativo dello stabilimento?
“Riteniamo che un gruppo Fiat che opera da 40 anni in Sicilia non può decidere unilateralmente, e senza un confronto con la Regione Siciliana, di dismettere lo stabilimento di Termini Imerese. Credo che il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, debba accelerare la sua azione ed agire in conformità con lo Statuto autonomistico rivendicando pure il diritto a partecipare alle sedute del Governo nazionale.
La paventata chiusura di Sicilfiat è un fatto di inusitata gravità. Se il gruppo del Lingotto dismettesse la produzione delle auto in Sicilia, ci troveremmo a gestire una crisi occupazionale di dimensioni rilevanti. La Sicilia dovrà chiedere il rispetto dell’accordo di programma per 1,3 miliardi di euro sottoscritto da Fiat e Regione Siciliana, alla luce del recente patto tra la casa torinese e l’americana Chrysler.
La Fiat deve attivare subito la seconda linea di produzione in Sicilia. Oltre all’assemblaggio delle auto, potrebbe costruire in Sicilia i motori alimentati da gpl e metano.
Ciò permetterebbe un immediato rilancio dell’indotto, nuove garanzie per i lavoratori di Sicilfiat e grandi opportunità occupazionali".

Articolo pubblicato il 16 febbraio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus