Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

20 milioni di euro dal Po Fesr 2007-13 per lo sviluppo turistico del territorio
di Liliana Rosano

Bando dell’asses.to regionale al Turismo per la riqualificazione degli spazi pubblici e il miglioramento delle infrastrutture. Priorità verrà data ai progetti per il rifacimento delle strade interne al perimetro dei centri storici

Tags: Po-Fers 2007/2013, Turismo



PALERMO - Rendere più competitivo il sistema turistico siciliano attraverso l’ampliamento, la riqualificazione la diversificazione dell’offerta turistica.
è questo l’obiettivo del bando  relativo alla linea di intervento  3.3.2.2 “Realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico (P.O. Fesr 2007-2013) approvato con decreto dall’ assessore al Turismo. In questa fase si darà priorità con finanziamento a tutti quegli interventi infrastrutturali tendenti alla riqualificazione, a finalità turistica, degli spazi pubblici attraverso la realizzazione e il miglioramento delle infrastrutture di superficie sia primarie che secondarie quali, ad esempio, strade interne al perimetro dei centri storici dei comuni, strade esterne di elevato interesse turistico, piazze, giardini, illuminazione artistica dei centri storici.

Per raggiungere questo primo obiettivo, la dotazione finanziaria messa a disposizione è di € 20.030.534,00 corrispondente al 30% della dotazione finanziaria della linea di intervento, mentre i beneficiari sono  stati individuati tra gli enti locali, enti pubblici non economici, organismi di diritto pubblico.

Nel decreto si legge,  che, le spese ammissibili a finanziamento sono quelle: tecniche di progettazione, di direzione lavori, per la sicurezza del cantiere e collaudo; spese relative all’espropriazione di terreni per la realizzazione dell’intervento, a condizione che tale importo non superi il 10% dell’importo dell’investimento; spese per la realizzazione delle opere e acquisizione di eventuali forniture, nella misura non superiore al 40% dell’importo dei lavori.

Le istanze, che dovranno pervenire presso la sede dell’assessorato al Turismo entro il 120° giorno dalla pubblicazione del decreto nella Gurs, verranno valutate tenendo conto dei seguenti requisiti: interventi finalizzati alla destagionalizzazione e/o diversificazione turistica; esistenza di una filiera di prodotto turistico; analisi quali-quantitative sulla domanda attuale e potenziale di fruizione turistico-culturale; priorità territoriali individuate da strumenti di programmazione settoriale in sinergia con la strategia territoriale del PO Fesr e gli strumenti di pianificazione integrate; livello di progetto definitivo munito di tutte le autorizzazioni e i pareri in riferimento a detto stato di elaborazione del progetto.

Il turismo continua ad essere un settore trainante per l’economia siciliana, e a supporto di questa risorsa sono state negli ultimi anni gli interventi europei che hanno avuto l’obiettivo di incentivare e meglio sviluppare il turismo siciliano partendo proprio dalla riqualificazione delle infrastrutture che sono quelle che presentano maggiori carenze.

Articolo pubblicato il 19 febbraio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐