Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La “tegola” dei contenziosi fra P.A ed imprese edili
di Alessio Petrocelli

Tags: Luigi Giampaolino



Quali sono le principali problematiche riscontrate nel settore dei lavori pubblici in quest’ultimo anno?
“Nel corso dell’ultimo anno si sono riscontrate alcune problematiche riguardanti soprattutto gli appalti di servizi e forniture.
Un primo aspetto riguarda il ritardo nel pagamento delle prestazioni oggetto del contratto. Tale prassi, ormai frequente, sebbene ad oggi non abbia portato ad un significativo contenzioso con le Amministrazioni aggiudicatrici, comporta certamente maggiori oneri per la P.A. per interessi di mora che vanno riconosciuti per legge all’appaltatore, ripercuotendosi spesso negativamente sul regolare avanzamento dei contratti  e, per quanto riguarda i lavori pubblici, anche sui tempi di realizzazione delle opere. Peraltro, tale prassi comporta una distorsione del mercato, limitando, di fatto, la libera concorrenza in quanto partecipano alle gare solo le imprese finanziariamente più forti che non sempre sono le più sane.
Un’ulteriore criticità si riferisce al contenzioso in fase di gara. Infatti, l’elevato numero di richieste di soluzione delle controversie in fase di gara pervenute all’Autorità dall’entrata in vigore del codice dei contratti, evidenzia una normativa particolarmente complessa e poco chiara sui requisiti di partecipazione alle gare, peraltro in continua evoluzione.
Sebbene il procedimento delineato dal Codice e sviluppato dall’Autorità per la soluzione celere delle controversie in fase di gara abbia portato ad un’accettazione da parte dei soggetti coinvolti delle determinazioni dell’Autorità  nel 48% dei casi, nel 7% dei casi  il successivo ricorso al Tar ha comportato ritardi nella tempistica di esecuzione dei contratti.
Da ciò, l’esigenza di una rivisitazione della normativa sui requisiti di partecipazione per la realizzazione di opere con l’apporto di capitali privati".

Articolo pubblicato il 27 febbraio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus