Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Fermate ora l’inutile formazione
di Michele Giuliano

Prof 2010. Verso una formazione più in linea col mercato.
Ritardi. Gli enti di formazione e la Regione non hanno avuto il tempo di apportare le necessarie modifiche per adeguarsi ad un nuovo sistema, la riforma si farà per il 2011.
Crescita. Si è passati dai 5 mila dipendenti assunti nei vari enti di formazione nel 2000 agli attuali 9 mila e 200 secondo quanto appurato dallo stesso dipartimento della Formazione.

Tags: Giovanni Coppola, Corte Dei Conti, Prof 2010, Formazione, Mario Centorrino, Uil, Ial Cisl



PALERMO - Non ha pace la formazione professionale siciliana. Ed i motivi sono diversi: troppi soldi spesi, pochi risultati ma anche molti interessi dietro. Ed è proprio quest’ultimo aspetto che tiene a freno le scelte che sembrano più ovvie, come ad esempio bloccare il sistema per qualche mese in attesa di ripianificare tutto ed arrivare a creare un contenitore che contenga le spese e che nel contempo diventi un servizio eccellente. Il contrario in pratica di quello che oggi è il sistema: per il solo piano regionale dell’offerta formativa si spendono 240 milioni di euro e rispetto all’ultimo piano di finanziamento è emerso che ogni corso costa alle tasche dei cittadini 108 mila euro per essere seguito in media da appena 11 allievi.
 
Tra questi soltanto un corsista e mezzo, alla fine, trova lavoro. “L’effettivo avviamento al lavoro di un giovane siciliano – ha avuto modo di spiegare il procuratore generale della Corte dei Conti, Giovanni Coppola - pesa sui contribuenti 72 mila euro. A questo punto penso proprio che non ne valga la pena spendere così tanti soldi per poi non avere un ritorno vero e sostanziale sul fronte occupazionale”.

In pratica quest’anno inevitabilmente si andrà a ripetere lo stesso desolante scenario per il semplice fatto che materialmente gli enti di formazione e la Regione non hanno avuto il tempo di apportare le necessarie modifiche per adeguarsi ad un nuovo sistema. Appare un palliativo l’iniziativa di avere messo un freno ai corsi per estetista, parrucchiere ed informatica, tagliati del 12 per cento. Infatti gli insegnanti degli enti non si sono riqualificati e sono gli stessi dello scorso anno. Quindi le stesse persone che dovranno affrontare magari altre materie, semisconosciute. Ecco perché lo stop dei corsi per un anno, proposto dall’assessore regionale alla Formazione, Mario Centorrino, sembra la scelta migliore, così come ha sempre sostenuto il nostro quotidiano. A dire il vero sono gli stessi operatori del settore che si rendono conto di questa necessità: “Attraverso un sondaggio lanciato nel nostro sito appena qualche mese addietro – scrive in una nota la più grande piattaforma on line Formazione in Sicilia (www.formazionesicilia.com) – i votanti avevano chiaramente espresso il volere favorevole sulla possibilità di fermare i corsi e procedere con una riqualificazione del personale della formazione professionale in Sicilia.  Allora la percentuale si è attestata al 66 per cento dei votanti, il 4 per cento era indeciso, contrario il 33 per cento”.

I sindacati però frenano: alcuni hanno ancora il dente avvelenato, come la Uil e la Cisl, a cui nel nuovo Prof sono state tagliate le ore formative. Al primo sindacato, collegato all’Enfap, mancano in questo Piano ben  6 mila ore formative, mentre allo Ial Cisl vengono meno 100 mila euro. Sono proprio questi due sindacati che mostrano le maggiori resistenze: “Non sono ancora chiare le soluzioni tecniche che si dovrebbero adottare per tutelare gli stipendi di chi lavora nella formazione” è la motivazione del segretario regionale della Uil, Claudio Barone. “D’accordo ai tagli – aggiunge il leader della Cisl siciliana Maurizio Bernava – ma senza favoritismi”.

Articolo pubblicato il 02 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Fermate ora l’inutile formazione -
    Prof 2010. Verso una formazione più in linea col mercato.
    Ritardi. Gli enti di formazione e la Regione non hanno avuto il tempo di apportare le necessarie modifiche per adeguarsi ad un nuovo sistema, la riforma si farà per il 2011.
    Crescita. Si è passati dai 5 mila dipendenti assunti nei vari enti di formazione nel 2000 agli attuali 9 mila e 200 secondo quanto appurato dallo stesso dipartimento della Formazione.
    (02 marzo 2010)
  • Un pianeta che attiva migliaia di “clientes” -
    Attorno alla Formazione gravitano consulenti, affitti e ben 5 mila corsisti. Nel settembre ‘09 sottoscritte le linee guida per la riforma
    (02 marzo 2010)
  • Centorrino: “Questo il futuro della formazione” -
    Stipendi dei dipendenti assicurati anche con il blocco delle attività. Piani pluriennali, inizio a settembre e occhio al mercato
    (02 marzo 2010)


comments powered by Disqus

Costi formazione nell’ultimo decennio
Costi formazione nell’ultimo decennio
Gli ultimi due Prof a confronto
Gli ultimi due Prof a confronto
Tutti i numeri del nuovo Piano
Tutti i numeri del nuovo Piano
I numeri della formazione
I numeri della formazione