Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Un pianeta che attiva migliaia di “clientes”
di Michele Giuliano

Attorno alla Formazione gravitano consulenti, affitti e ben 5 mila corsisti. Nel settembre ‘09 sottoscritte le linee guida per la riforma

Tags: Formazione, Prof 2010



Cosa vorrebbe dire fermare sino al prossimo settembre la formazione professionale in Sicilia? Per chi fa del sistema un ottimo trampolino di lancio per fare clientelismo significherebbe una “catastrofe”. Anzitutto ci sono all’incirca 50 mila corsisti a cui potere dare spazio. Non ci si può dimenticare degli insegnanti: sono all’incirca 3 mila e ogni anno possono anche usufruire in corso d’opera di un aumento di ore in caso di “necessità”. L’attivazione di un corso di formazione poi porta anche alla possibilità di inserire i cosiddetti consulenti. Basta inserire la famosa “palina” magica “l’ente non dispone di professionalità interne adatte a svolgere questa mansione” ed ecco che la spesa viene accordata dalla Regione in fase di rendicontazione. Ovviamente tutte queste situazione verrebbero del tutto annullate da qui a settembre in caso si dovesse per l’appunto fermare tutto. Per i sindacati, nel settore della formazione professionale, nessuna riorganizzazione è stata avviata dal governo regionale nonostante le linee-guida sottoscritte nel settembre 2009 da esecutivo e forze sociali.
 
I “risparmi” annunciati dall’assessore regionale competente causeranno, sempre secondo i sindacati, il blocco del settore a settembre mentre ci sono già circa 4 mila lavoratori senza stipendio anche da 5 mesi. Sull’argomento Cgil, Cisl e Uil siciliane e Snals hanno tenuto una conferenza stampa nel corso della quale hanno annunciato “forme di mobilitazione che non escludono lo sciopero regionale, secondo un calendario che sarà definito nel breve termine”. Tutto dipenderà anche da come si concluderà il tavolo di confronto avviato tra sindacati e Regione da ieri. Se le posizioni rimarranno distanti, però, tira già aria di mobilitazione.

Articolo pubblicato il 02 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Fermate ora l’inutile formazione -
    Prof 2010. Verso una formazione più in linea col mercato.
    Ritardi. Gli enti di formazione e la Regione non hanno avuto il tempo di apportare le necessarie modifiche per adeguarsi ad un nuovo sistema, la riforma si farà per il 2011.
    Crescita. Si è passati dai 5 mila dipendenti assunti nei vari enti di formazione nel 2000 agli attuali 9 mila e 200 secondo quanto appurato dallo stesso dipartimento della Formazione.
    (02 marzo 2010)
  • Un pianeta che attiva migliaia di “clientes” -
    Attorno alla Formazione gravitano consulenti, affitti e ben 5 mila corsisti. Nel settembre ‘09 sottoscritte le linee guida per la riforma
    (02 marzo 2010)
  • Centorrino: “Questo il futuro della formazione” -
    Stipendi dei dipendenti assicurati anche con il blocco delle attività. Piani pluriennali, inizio a settembre e occhio al mercato
    (02 marzo 2010)


comments powered by Disqus