Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Centorrino: “Questo il futuro della formazione”
di Michele Giuliano

Stipendi dei dipendenti assicurati anche con il blocco delle attività. Piani pluriennali, inizio a settembre e occhio al mercato

Tags: Formazione, Prof 2010, Mario Centorrino



Il neo assessore regionale alla Formazione professionale, Mario Centorrino, ha garantito che gli stipendi saranno erogati regolarmente. Rassicurazione che però ai sindacati non sembra essere bastata. Intanto però Centorrino sembra avere già le idee chiare sulla formazione che verrà in Sicilia. Ha già infatti stilato una sorta di piattaforma inserendo le priorità da attuare per cambiare l’attuale sistema.
 
“Serve però il tempo necessario – afferma l’assessore – ed è per questo che abbiamo avanzato l’ipotesi di fermare sino a settembre i corsi. In questo lasso di tempo potremmo essere in grado di riordinare il settore. Certamente terremo conto di tutte le istanze, anche quelle avanzate dai sindacati che sono assolutamente da tenere in considerazione”. Questa la formazione pensata da Centorrino: rispettare i principi guida della direttiva del Governo nazionale sulla riforma; slittamento dell’avvio delle attività corsuali nel mese di settembre, in coincidenza con l’inizio dell’anno scolastico statale; garanzia delle retribuzioni al personale in questo periodo di stand-by, utilizzandoli in corsi di formazione decretati dalla Regione e affidati agli enti; utilizzo dei formatori negli avvisi, già decretati dal Dipartimento Istruz. e F.P., finanziati con Fse; risanamento degli enti, con le economie, e avvio delle attività, nel mese di settembre, con l’azzeramento debitorio degli stessi. “Per una migliore programmazione – aggiunge l’assessore Centorrino – sarebbe anche più opportuno decretare dei piano pluriennali e non più annali”. Tutte proposte al momento al vaglio del tavolo avviato con i sindacati: la loro risposta darà un’indicazione sulla reale voglia di cambiamento, al di là degli annunci e delle belle parole.

Articolo pubblicato il 02 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Fermate ora l’inutile formazione -
    Prof 2010. Verso una formazione più in linea col mercato.
    Ritardi. Gli enti di formazione e la Regione non hanno avuto il tempo di apportare le necessarie modifiche per adeguarsi ad un nuovo sistema, la riforma si farà per il 2011.
    Crescita. Si è passati dai 5 mila dipendenti assunti nei vari enti di formazione nel 2000 agli attuali 9 mila e 200 secondo quanto appurato dallo stesso dipartimento della Formazione.
    (02 marzo 2010)
  • Un pianeta che attiva migliaia di “clientes” -
    Attorno alla Formazione gravitano consulenti, affitti e ben 5 mila corsisti. Nel settembre ‘09 sottoscritte le linee guida per la riforma
    (02 marzo 2010)
  • Centorrino: “Questo il futuro della formazione” -
    Stipendi dei dipendenti assicurati anche con il blocco delle attività. Piani pluriennali, inizio a settembre e occhio al mercato
    (02 marzo 2010)


comments powered by Disqus