Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

A rischio i bilanci delle amministrazioni
Denuncia Cgia di Mestre in base ai dati Corte dei Conti. Sul fronte delle consulenze, emergenza abusi

Tags: Enti Locali, Corte Dei Conti



PAELRMO - Gli esperti dell’Ufficio studi Cgia di Mestre hanno costruito la mappa del “malaffare” che mina la tenuta della nostra amministrazione pubblica, e la Sicilia è ai primi posti. Si sono basati innanzitutto sui reati compiuti contro la Pa che riempiono gli uffici della Corte dei Conti. A cominciare dal numero di giudizi aperti. Dopo il Molise troviamo la Sicilia con 23,2 cause rimanenti ogni 100 mila abitanti, la Basilicata (16,09), la Calabria (13,29), la Campania (13,28) e la Sardegna (9,22). Dopo il Veneto, tra le regioni meno interessate da questo triste fenomeno troviamo l’Emilia Romagna (0,97 ogni 100.000 abitanti), la Lombardia (1,06) il Piemonte (1,20), la Liguria (1,80) e il Friuli Venezia Giulia (2,36). La classifica rimane pressoche’ invariata anche quando si tratta di analizzare le cause “sorte” nel 2009. “Specie sul fronte delle consulenze - commentano dall’Ufficio studi della CGIA di Mestre - ci troviamo di fronte ad una vera e propria emergenza. Poiché non si tratta di fatti episodici o di incapacità di gestione, bensì di una vera e propria patologia, c’è il rischio di compromettere nel tempo la tenuta dei bilanci delle amministrazioni’’.

Articolo pubblicato il 03 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus