Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Rafforzare la sinergia tra pubblico e privato
di Dario Raffaele

Il Cpi di Catania lavora per migliorare l’incontro tra domanda e offerta. Intesa con Apindustrie per potenziare la Bacheca lavoro

Tags: Lavoro, Salvatore Drago



Il direttore del Centro per l’impiego di Catania, Salvatore Drago, dal suo insediamento nel febbraio dell’anno scorso, si batte ogni giorno per rendere produttivo il lavoro di quanti gli stanno attorno. In un anno si sono quintuplicate le offerte di lavoro raccolte dagli operatori del Centro per l’impiego. Proprio nei giorni scorsi poi, è stato siglato un protocollo di intesa tra Cpi, Ufficio provinciale del lavoro e Confapi Sicilia, per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Le aziende appartenenti ad Apindustrie avranno la possibilità di inserire le offerte di lavoro dei loro associati direttamente nella grande banca dati (Bacheca lavoro, ndr), gestita a livello regionale dall’assessorato al Lavoro. Ma non è questa l’unica novità per i disoccupati e gli inoccupati della provincia di Catania. Proprio da qualche giorno si è intensificata la collaborazione tra Centro per l’impiego e Agenzie di lavoro private che avranno anche loro la possibilità di far conoscere le offerte presenti sulla piazza direttamente sulla Bacheca lavoro.
 
“È fondamentale creare una sinergia tra pubblico e privato affinché chi è in cerca di lavoro possa averne il massimo beneficio. Avere un unico punto di riferimento (la Bacheca lavoro, ndr) anziché cercare tra i vari annunci presenti online, sui giornali o presso le Agenzie interinali, è un importante obiettivo cui dobbiamo mirare. Per questo, invito tutte le aziende a segnalarci quali sono le posizioni ricercate, sarà nostra cura farle conoscere al pubblico”. Nel 2009 sono state 14.500 le dichiarazioni di disponibilità presentate al Cpi di Ct, 1.645 i curricula ricevuti. “Purtroppo – ci dice Drago – ad oggi non è ancora possibile conoscere quanti dei nostri utenti hanno trovato lavoro grazie a noi. è un obiettivo che contiamo di raggiungere nell’immediato futuro”.

Articolo pubblicato il 06 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • 1.800 regionali, inutili cercalavoro -
    Lavoro. Domanda e offerta restano scollegate.
    Il “Carrozzone”. La struttura della Regione che si occupa del lavoro è di 2 mila persone, tanto quanto il 60% dell’intero parco dei dipendenti della Regione Lombardia.
    Obiettivi mancati. Il rapporto Isfol 2009 rileva come solo 8,5% dei soggetti che hanno fatto ricorso ai Centri per l’impiego ha ottenuto opportunità di lavoro, contro il 19,1% del Nord.
    (06 marzo 2010)
  • Sono poche le basi certe per l’efficienza dei servizi -
    Leanza annuncia un nuovo assetto degli sportelli, ma il presente è opaco. La dg Carrara: “Siamo in fase di monitoraggio dell’attività”
    (06 marzo 2010)
  • Rafforzare la sinergia tra pubblico e privato -
    Il Cpi di Catania lavora per migliorare l’incontro tra domanda e offerta. Intesa con Apindustrie per potenziare la Bacheca lavoro
    (06 marzo 2010)


comments powered by Disqus