Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Per il San Gregorio vale la “regola del cinque”
di Marco Carli

Tags: Rugby, San Gregorio



CATANIA - Il San Gregorio ha fatto bingo: non solo è arrivata la pronosticabile vittoria (33-11), impreziosita dal punto di bonus, sul campo del Mirano, ma il contemporaneo successo del Calvisano in casa delle Fiamme Oro ha consentito alla squadra di Arancio di allungare in classifica sulle dirette concorrenti.

C’è un numero che ricorre nel momento della capolista del secondo girone della serie A: è il 5. Cinque punti conquistati, così come sono cinque le lunghezze che ora il San Gregorio vanta sulle principali antagoniste e cinque le giornate che mancano alla fine della stagione regolare. Gli etnei sono saliti a quota 63, Fiamme Oro e Calvisano sono invece a 58, anche se i lombardi devono recuperare una partita in casa del Lyons Piacenza.
Il campionato si ferma adesso per due week end e lascia spazio nuovamente al “sei nazioni”, ma al ritorno in campo, il 28 marzo, il big match va in scena al “Monti Rossi” di Nicolosi: di fronte San Gregorio e Fiamme Oro che si giocano una buona fetta di stagione.

Il San Gregorio ci arriverà più sereno, ma gli ospiti hanno ora tre settimane per leccarsi le ferite dopo l’ultima sconfitta. Di certo per centrare quella che potrebbe essere la decima vittoria consecutiva (gli etnei non perdono dal derby con l’Amatori di fine novembre) ci vorrà comunque il miglior San Gregorio. Quello che in casa del Mirano si è visto solo nel secondo tempo. Nella prima frazione infatti, gli etnei hanno mostrato il cinismo dei forti, andando in meta nelle uniche occasioni avute, ma hanno faticato parecchio a contenere il forcing di avversari tutt’altro che arrendevoli. Dopo il riposo a cui si è arrivati con la squadra di Arancio avanti di un punto (11-12), il San Gregorio è ritornato dominatore. Lo Faro ed i soliti Peralta e Corolenco (con la precisione di Pucciariello nelle trasformazioni) hanno mandato al tappeto il Mirano.
Non è andata bene invece all’altra squadra catanese, lo storico Amatori, che ha perso in casa con il Riviera (9-12) ed è sesto in classifica, al pari dell’Asti, con 33 punti.

Articolo pubblicato il 09 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus