Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Regione, 48 milioni di euro per le Pmi
di Giuseppe Bellia

L‘assessore alle Attività produttive annuncia un bando rivolto alle aziende meritevoli. Venturi: “ Si concedono aiuti alle imprese solide nell’innovazione tecnologica”

Tags: Marco Venturi, Imprese, Pmi



PALERMO – Due giorni dopo essersi lamentato ufficialmente della burocrazia che frena le imprese siciliane, “minacciando” addirittura le dimissioni, l’assessore regionale alle Attività produttive, Marco Venturi, lancia, con un bando, un segnale alle piccole e medie aziende.
Infatti, poco meno di 48 milioni di euro sono messi a disposizione delle imprese in possesso di solidità finanziaria ed affidabilità economica, che intendano realizzare investimenti nei settori manifatturiero ed estrattivo. Il bando è rivolto alle cosiddette “imprese di qualità”, e sarà presentato ufficialmente dallo stesso Venturi, lunedì prossimo alle 10 nella sede dell’assessorato, in via Degli Emiri 45, a Palermo.

“è un bando molto atteso - dichiara Venturi - attraverso cui si concedono aiuti alle imprese solide, ‘di qualità’, che investimento nello sviluppo, nell’innovazione tecnologica e di processo”.
Alla presentazione del bando saranno inoltre presenti, il dirigente generale del dipartimento Attività Produttive, Nicola Vernuccio e Giuseppe Di Gaudio, dirigente del servizio che ha prediposto il bando, che e’ pronto ed è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana.

Il bando segue di pochi giorni,  quello uscito lo scorso 5 marzo sulla Gazzetta ufficiale n.11, a firma del dirigente generale alle Attività produttive Nicola Vernuccio (firmato lo scorso 9 dicembre).
Il decreato dirigenziale firmato da Vernuccio ha messo a disposizione 60 mln di euro dai fondi Po Fesr 2007-2013 di risorse pubbliche dalla misura dell’asse 2.1, per investimenti riguardanti la riduzione dei consumi energetici e le rinnovabili.
La copertura complessiva (60 mln di euro) è ripartita fra le differenti fonti pulite: 18 mln di euro sono messi a disposizione per investimenti nel settore delle energie rinnovabili da fonte fotovoltaica, 20 mln in investimenti riguardanti la riduzione dei consumi enegetici.

Ecco le condizioni poste dal decreto.
Ogni singolo investimento ritenuto idoneo può essere coperto sino all’80% dei costi sostenuti e che l’investimento minimo per la concessione dei contributi sia di almeno 50.000 euro.
Le domande all’assessorato alle Attività produttive potranno essere inviate entro 150 a decorre dalla pubblicazione del decreto dalla Gurs.
E così che con l’erogazione di più 100 mln di euro in pochi giorni, l’assessorato all’Attività produttive lancia un segnale forte al mondo politico - amministrativo sul piano della capacità di spesa.

Articolo pubblicato il 13 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus