Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La viabilità resta in aria, le strade solo sulla carta
di Riccardo Bedogni

Per i collegamenti stradali nel ragusano previsti circa 75 mln €. Bretella con la 514, Antoci: “Progetto preliminare approvato”

Tags: Aeroporto, Enac, Vito Riggio, Comiso, Franco Antoci



RAGUSA - Un aeroporto per svolgere appieno la sua funzione deve avere una rete infrastrutturale di collegamenti funzionante e ben congegnata. Compito questo che è in carico alla Provincia regionale di Ragusa. Opera indispensabile, il collegamento dell’aeroporto con la Ss 514 Ragusa-Catania.

“Abbiamo già pronto - afferma Franco Antoci, presidente della Provincia - il progetto preliminare approvato, per maggio-giugno avremo quello esecutivo ed entro il 2010 il progetto sarà cantierabile”. Il costo dell’opera si aggira tra i 40 e i 45 mln € e sarà interamente finanziata dal Cipe e dalla Regione con i fondi ex Insicem. “Inoltre - aggiunge Antoci - ci stiamo battendo per sbloccare i lotti dell’autostrada Siracusa-Ragusa-Gela affinché sia completata almeno fino a Modica. E ancora, stiamo curando una variante alla Ss 115 per permettere ai mezzi pesanti di superare i centri abitati di Comiso e Vittoria”.  Altri interventi, in base a quanto dice il presidente Antoci, sono stati progettati grazie alle somme destinate dalla Finanziaria alla Provincia per la viabilità secondaria, che si aggirano intorno ai 28 mln €. Per quanto riguarda altre tipologie di collegamenti, “nei giorni scorsi - riferisce l’amministratore delegato della Soaco Spa, Ivan Maravigna - si è tenuto un incontro presso il Dipartimento regionale delle Infrastrutture, per individuare quali iniziative intraprendere per integrare il sistema ferroviario regionale con quello aeroportuale. E tra queste ovviamente quelle che interessano l’aeroporto di Comiso”.

Oltre a curare i collegamenti stradali, il presidente della Provincia di Ragusa, Antoci, si è assunto l’impegno di monitorare l’avanzamento dei vari step necessari all’operatività dello scalo comisano.
“Stiamo anche studiando - rimarca - una nostra partecipazione azionaria alla Soaco in maniera minore. Altro ruolo che stiamo già svolgendo - aggiunge - è quello della promozione, siamo stati di recente alla Bit di Milano e lo porteremo in altre manifestazioni di livello internazionale”.

Articolo pubblicato il 16 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Nuovi aeroporti, stringere i tempi -
    Trasporti. Le infrastrutture e la burocrazia.
    Via libera dell’Enac. Il presidente Riggio pronto a rilasciare le autorizzazioni, ma si attende che il Comune di Comiso consegni alla Soaco le opere complete e collaudate.
    Un anno per volare. Maravigna (Soaco): “Già a settembre potremmo fare atterrare qualche volo per testare l’operatività dello scalo”. Start-up entro la primavera-estate del 2011.
    (16 marzo 2010)
  • La viabilità resta in aria, le strade solo sulla carta -
    Per i collegamenti stradali nel ragusano previsti circa 75 mln €. Bretella con la 514, Antoci: “Progetto preliminare approvato”
    (16 marzo 2010)
  • Licata, pista da 1500 mt, attende il sì del ministero -
    Primi contatti per accordi finanziari con aziende maltesi e svizzere. Il presidente D’Orsi: “I costi di gestione ai privati”
    (16 marzo 2010)


comments powered by Disqus
Franco Antoci
Franco Antoci