Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ignorato l’esempio virtuoso dei colleghi del Senato
di Lucia Russo

Il Consiglio di presidenza del Senato ha applicato una linea di tagli. All’Ars rimane il Telepass a vita per gli ex deputati



PALERMO - Telepass senza limiti. È questo uno dei privilegi degli ex senatori, che è balzato alle cronache nazionali nell’ultimo mese, dal momento che il presidente del Senato Renato Schifani si è reso conto dell’assurdità di mantenerlo a vita per gli ex senatori.

Precisamente la proposta di abolirlo è venuta dall’intero Consiglio di Presidenza del Senato, ovvero dal presidente Renato Schifani insieme ai tre questori Romano Comincioli (Pdl), Franco Paolo (Lega Nord) e Benedetto Adragna (Pd). Dal 2010 in poi si mantiene solo per due legislature successive alla cessazione del mandato.

Non è solo questa la notizia importante giunta all’approvazione del bilancio del Senato preventivo per il 2009. L’altra è che non è aumentato nella spesa nemmeno di un punto rispetto al 2008, per la prima volta un bilancio a crescita zero.
Ma l’Assemblea regionale siciliana è riuscita ad aumentare le spese anche quest’anno, quando il suo modello, il Senato ha invece stretto la cinghia.

Anche all’Ars ad oggi si registra uno scriteriato uso dei Telepass. Come ci è stato confermato dagli stessi ex deputati, succede che il Telepass, anche dopo la fine del mandato, continua ad essere utilizzato dall’ex deputato Ars senza limiti. E il cittadino siciliano paga sempre.Ma in tempi di crisi questa situazione non è più accettabile.

Dove sono finite le proposte di ridurre i deputati a 70 o a 50 anche se al meglio sarebbe necessario abolire l’equiparazione al Senato. Non sono più ammissibili pensioni e stipendi di lusso sia per i deputati o ex che per i dipendenti dell’amministrazione parlamentare. Basti pensare che pochi giorni fa un commesso del Senato è andato in pensione con ottomila euro lordi al mese per quindici mensilità, grazie a 52 anni di servizio.Lo stesso succede all’Ars.

Articolo pubblicato il 12 maggio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Ars: 1,2 mln in più per piccole spese - Parlamento. Spesa senza limiti e il cittadino paga.
    Equiparazione al Senato. Come al Senato pesante crescita della voce destinata alle pensioni. Per il capitolo quinto balzo da 37,7 milioni nel 2008 a 41,7 nel 2009, ben 4 mln in più.
    Gruppi parlamentari. Nonostante siano diminuiti come numero rispetto alla precedente legislatura, si calcola debbano costare di più: da 13,1 milioni nel 2008 a 13,7 nel 2009. (12 maggio 2009)
  • Come il Senato. Per l’86 per cento trattasi di spese obbligatorie - (12 maggio 2009)
  • Ignorato l’esempio virtuoso dei colleghi del Senato - Il Consiglio di presidenza del Senato ha applicato una linea di tagli. All’Ars rimane il Telepass a vita per gli ex deputati (12 maggio 2009)


comments powered by Disqus