Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Le norme di riferimento con i vari limiti imposti
di Alessio Petrocelli

Analisi delle leggi che disciplinano questo tipo di meccanismo. Occorre sempre l’autorizzazione dell’amministrazione

Tags: Enti Locali, Trasparenza, Renato Brunetta



PALERMO - Lo svolgimento di incarichi da parte dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni, con specifico riferimento ai dipendenti con rapporto di lavoro a tempo pieno, trova la sua fondamentale regolamentazione nelle disposizioni di cui agli articoli 1, comma 60, della legge 662/96, 58 del d.lgs. 29/93 così come modificato dagli articoli 26 del d.lgs. 80/98 e 16 del d.lgs. 387/98, nonché dall’articolo 53 del d.lgs. 165/2001.

Ci sono quindi anche delle ovvie limitazioni di accesso: ad esempio per i dipendenti pubblici con rapporto di lavoro a tempo pieno o a tempo parziale con prestazione lavorativa superiore al 50 per cento di quella a tempo pieno, la norma stabilisce il divieto di “svolgere qualsiasi altra attività di lavoro subordinato o autonomo tranne che la legge o altra fonte normativa ne prevedano l’autorizzazione rilasciata dall’amministrazione di appartenenza e l’autorizzazione sia stata concessa”.

Sullo stesso tenore di questa disposizione c’è anche quella che detta la disciplina specifica relativa alle modalità di conferimento e autorizzazione degli incarichi: esclude per le pubbliche amministrazioni la possibilità di conferire ai dipendenti incarichi “non compresi nei compiti e doveri di ufficio”.

“La ratio e l’interpretazione più attenta della normativa che disciplina il settore – dice l’avvocato Cassazionista Febo Battaglia del foro di Catania, esperto in materia - esprime chiaramente l’intenzione del legislatore di imporre limiti assai rigorosi allo svolgimento di incarichi esterni da parte del dipendente pubblico che presta attività lavorativa a tempo pieno, e ciò al fine di impegnare in via esclusiva il pubblico dipendente a favore della Pa per la quale lavora”.

Articolo pubblicato il 20 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Incarichi extra: bottino da 2,5 milioni di euro -
    Enti locali. Stipendi “ingrassati” da altre competenze.
    Trasparenza. L’elenco dei dati comunicati dalle amministrazioni è stato trasmesso all’Anagrafe delle prestazioni e pubblicato sul sito internet del ministero per la Pa e l’Innovazione.
    Il primato ad Agrigento. Lo scettro della spesa più alta è dell’agrigentino, dove la Provincia ha dato l’assenso per 346 incombenze per un totale di oltre mezzo milione di euro.
    (20 marzo 2010)
  • Quei costi per il personale che bloccano lo sviluppo -
    A essere penalizzati sono gli investimenti, che restano così al palo. I bilanci ingessati da spropositate spese correnti
    (20 marzo 2010)
  • Le norme di riferimento con i vari limiti imposti -
    Analisi delle leggi che disciplinano questo tipo di meccanismo. Occorre sempre l’autorizzazione dell’amministrazione
    (20 marzo 2010)


comments powered by Disqus