Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Punti vendita nellÂ’Isola i tabaccai sono 5 mila
di Gian Andrea Costa

Tags: Nicola Andreozzi, Monopoli Di Stato



È sufficiente il numero di punti vendita presenti sul territorio per soddisfare l'esigenza di una popolazione, quella siciliana, che rappresenta circa l'8 % del totale in Italia?
“È vero che esiste una discrasia tra ciò che riguarda il commercio in generale e ciò che attiene al tabacco in particolare però, indubbiamente, 58 mila rivendite sono tante. Bisogna tenere presente che esistono anche i distributori automatici di sigarette che, pur essendo allocati presso le stesse rivendite, svolgono un servizio autonomo durante l'intero arco della giornata. In Sicilia, troviamo 5 mila punti vendita, siamo quindi in media con il resto d'Italia. Questo può avvenire solo grazie a una completa conoscenza, da parte dell'utenza, delle varie regolamentazioni del settore. In una città come Napoli, ad esempio, che manca completamente di periferia, riscontriamo la difficoltà tecnica di immettere nuove utenze nel rispetto dei parametri vigenti.
L'intera normativa è visionabile sul nostro sito web. Abbiamo anche una regolamentazione abbastanza fluida: le domande vengono redatte e inviate durante i primi 3 mesi dell'anno per permettere agli uffici di agire in tempo e operare un'analisi a 360 gradi di tutte le richieste pervenute”.

Il cittadino è messo a conoscenza dei parametri che voi adoperate?
“Ovviamente. La nostra attività è rigidamente regolata, facciamo non soltanto uso ma abuso della legge 241 sulla trasparenza amministrativa. Prima di operare qualsiasi cambiamento sul territorio, noi diramiamo un preavviso, come previsto dalla legge, cosa che tutela entrambe le parti. Alcuni parametri tuttavia, per rispetto della privacy, non possono venire trasmessi, come ad esempio ciò che concerne il fatturato”.

Articolo pubblicato il 23 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus