Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Innovazione tecnologica, in Sicilia 26 progetti sono tra le eccellenze
di Dario Raffaele

Imprese e centri di ricerca isolani, ammessi ai finanziamenti del Ministero dello Sviluppo Economico. Investimento complessivo di 55 mln con un impiego di 600 ricercatori e tecnici

Tags: Claudio Scajola, Innovazione, Sviluppo



PALERMO - Hanno superato una rigida selezione, che ha visto competere 429 progetti presentati da quattromila imprese e centri di ricerca di tutto il territorio nazionale, e alla fine hanno vinto, risultando tra le eccellenze del Made in Italy che hanno puntato sull’innovazione. Sono i 26 progetti di innovazione tecnologica che coinvolgono imprese e centri di ricerca siciliani, ammessi ai finanziamenti del Ministero dello Sviluppo Economico, al termine della selezione del bando “Nuove tecnologie per il Made in Italy”.

“La Sicilia ha saputo rappresentare l’eccellenza nei settori strategici del nostro Made in Italy”, ha commentato il ministro Claudio Scajola, “i progetti sono stati presentati da grandi aziende leader del Made in Italy, ma anche da piccole e medie imprese pronte a innovare, che hanno superato la tradizionale diffidenza a cooperare e si sono aggregate per filiere verticali o orizzontali in partenariati che coinvolgeranno 68 imprese e centri di ricerca sul territorio. Un motivo di orgoglio per il rilancio dell’economia della Sicilia.”

I 26 progetti vincitori comporteranno un investimento complessivo di 55 milioni di euro, di cui il 40% finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico, con un impiego di circa 600 tra ricercatori e tecnici. Tra le iniziative quelle che prevedono la realizzazione di integrati wireless multifunzionali per la casa (STMicroelectronics), la produzione di farine vegetali per cibi salutistici (Nuova Farmaceutica), sistemi elettromeccanici applicati all’elicotteristica (Selex Communications).
Il bando Made in Italy è il terzo “Programma di Innovazione Industriale” finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico dopo quelli su “Mobilità Sostenibile” ed “Efficienza Energetica”.

Complessivamente gli incentivi in via di erogazione ammontano complessivamente a circa 700 milioni di euro.
Ma per le imprese siciliane non finisce qui. Il ministero dell’Istruzione infatti, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale 2007-2013, Asse 1 “Ricerca e Competitività”, dotato di 465 milioni di euro, mette a disposizione della Sicilia 90 milioni di euro per progetti di ricerca industriale e per la formazione di ricercatori. L’invito a presentare progetti entro il prossimo 9 aprile è rivolto a piccole e medie imprese, centri di ricerca, consorzi e parchi scientifici e tecnologici, per sperimentazioni nei campi dell’Ict, dei materiali avanzati, del risparmio energetico, della salute dell’uomo e delle biotecnologie, dell’agroalimentare, dell’aeronautica, dei beni culturali, dei trasporti e logistica avanzata, dell’ambiente e sicurezza.
Insomma per la Sicilia i fondi ci sono (e questo non è una novità), ora servono le idee e i progetti affinché si possano convertire in investimenti e posti di lavoro produttivi.

Articolo pubblicato il 27 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐