Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania, sconfitta indolore aspettando il Palermo
di Gianluca Costa

Tags: Catania Calcio, Maxi Lopez, Mihajlovic, Napoli, Spolli



CATANIA – Bassa classifica molto corta, tenere alta la guardia. È un imperativo per la squadra di Sinisa Mihajlovic. Ma il bravo condottiero farà in modo che la squadra non perda la concentrazione. Il tecnico rosso-azzurro, espulso a pochi minuti dal fine partita, è fiducioso: “La classifica – ha commentato Mihajlovic - rimane buona, dispiace per la sconfitta, ma l’importante è rimanere distanti ancora sette punti dal terz’ultimo posto. Andiamo avanti e pensiamo alla prossima”.
Appena giovedì il Napoli aveva sconfitto, sempre al San Paolo, la Juve, ormai in profonda crisi, con un solenne 3-1, ma col Catania la squadra partenopea per tutto il primo tempo ha mostrato segni di sofferenza per una partita considerata dallo stesso tecnico Mazzarri “difficilissima”: “Il Catania – ha commentato - era il peggior avversario che ci potesse capitare”. Risolve la situazione al 6’ del secondo tempo Paolo Cannavaro, al suo primo goal con la maglia del Napoli.
Al primo tempo grandissima occasione di Spolli che fa tremare traversa e San Paolo. Mascara si conferma jolly del Catania, si propone ma anche si sacrifica, come al solito. Ricchiuti sempre più a suo agio nel nuovo ruolo inventatogli da Mihajlovic. Lopez non trova lo stesso tempo, come con l’Inter e la Lazio, su un perfetto assist di Mascara.
Il finale ha un sapore amaro per i rosso-azzurri che si vedono negato un calcio di rigore: Maggio a terra insieme a Delvecchio tocca la sfera con la mano, ma l’arbitro non vede l’irregolarità. Quando poi Valeri ammonisce Delvecchio, Mihajlovic perde la testa e viene espulso.
Questa sconfitta non toglie le grandi soddisfazioni che la squadra, messa in campo in maniera ineccepibile da Mihajlovic, ha dato ai suoi tifosi. Si continua a giocare un calcio di altissimo livello, ma le partite sono fatte anche di fortuna e di episodi. Con la Fiorentina non si vinceva da 46 anni al Cibali e la soddisfazione di aver sfatato questo maledetto tabù, rimane inalterata.
Ora massima concentrazione e attenzione sulla gran giornata di sabato quando il Catania affronterà i cugini del Palermo. Il gran gap in classifica tra le due squadre non giustifica la differenza dei valori.

Articolo pubblicato il 30 marzo 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus