Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Effetto elezioni regionali sui lavori del Senato. Adragna: boicottato l’aeroporto di Agrigento
Polemica sulla scelta degli argomenti d’aula: in programma la realizzazione di sedi Inps e di piani cave, tutte del Nord. L’esponente Pd: dalla scaletta delle interrogazioni urgenti del 7 aprile nessuno spazio per lo scalo

Tags: Aeroporto, Agrigento, Benedetto Adragna



ROMA - “L’effetto Lega piomba sul Senato della Repubblica. Mi sembra evidente che i dirigenti del Carroccio, all’indomani dell’affermazione elettorale, passino subito all’incasso, anche su questioni all’apparenza minori”.
Ad affermarlo è il senatore del Pd, Benedetto Adragna.
“Solo così - aggiunge il parlamentare - si spiega perché nella seduta del 7 aprile a Palazzo Madama per la discussione sulle interrogazioni urgenti, sottolineo ‘urgenti, si parlerà della realizzazione di una sede Inps a Monza e in Brianza, e dell’attuazione del piano cave del comune di Caravaggio, in provincia di Bergamo, ma nulla si potrà dire su cosa ha deciso il governo riguardo alla costruzione di un aeroporto ad Agrigento, località visitata ogni anno da moltissimi turisti che, per amore della cultura, si accollano un viaggio su reti stradali e ferroviarie non proprio d’eccellenza. Il tutto con buona pace di un governo che a parole dichiara di volere sfruttare il marchio Italia attraverso il turismo. Ma l’Italia unita non era quella che andava dal Brennero a Lampedusa?”.

Il senatore Adragna, che aveva invitato i rappresentanti istituzionali della città e della provincia di Agrigento a partecipare alla seduta di Palazzo Madama del prossimo 7 aprile conclude amaramente: “se il sindaco di Agrigento ed il presidente della Provincia sono interessati ad ascoltare le risposte del loro governo sulle sedi Inps brianzole e sulle cave bergamasche sono comunque benvenuti. Da parte mia continuerò a sollecitare il ministro competente, Altero Matteoli, affinché, prima possibile, dia una risposta definitiva a una vicenda che è ormai appare solo tragicomica. Ma non sono particolarmente fiducioso, visto che in passato il ministro su questo argomento è stato smentito addirittura dal suo capo di gabinetto”.
 

 
Enac. Il prefetto Finazzo consulente esperto di sicurezza
 
PALERMO - Il presidente dell’Enac, Vito Riggio, ha reso noto che il consiglio di amministrazione ha nominato il prefetto Giovanni Finazzo, componente del comitato consultivo tecnico economico e giuridico dell’ente in qualitàdi esperto di security.
Tra i vari incarichi ricoperti da Finazzo vi sono quello di questore di Roma e di Milano ed anche quello di prefetto di Catania e di Trapani.
“Le esperienze di altissimo livello acquisite dal prefetto Finazzo - dice Riggio - non potranno che coadiuvare positivamente le attività dell’ente nei diversi ambiti di interesse e, in particolar modo, negli aspetti legati alla sicurezza nella prevenzione di atti illeciti nel settore dell’aviazione civile”.

Articolo pubblicato il 02 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus