Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Fisco, oltre 65 mila accertamenti nel 2009 incassi al 15% in più
di Chiara Saturnino

Analisi dei dati diffusi dalla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate sull’anno precedente. Il dato emerge per le entrate erariali e non (imposte, sanzioni e interessi)

Tags: Fisco, Incassi



PALERMO - La lotta all’evasione fiscale in Sicilia registra già i primi successi. Risultati positivi, migliori rispetto al 2008. Merito di un aumento dei controlli, incrementati di circa il 12%. Due anni fa gli accertamenti eseguiti sono stati circa 58 mila, l’anno scorso oltre 65 mila. L’aumento dei controlli e le misure di contrasto agli inadempimenti tributari hanno contribuito a realizzare un incremento degli incassi del 15% rispetto all’anno precedente.

I dati: se nel 2008 le entrate erariali e non, comprendenti sanzioni, imposte e interessi, ammontavano a circa 380 milioni di euro, nel 2009 hanno toccato quasi i 450 milioni. Nel particolare, le entrate derivanti da ruoli nel 2009 sono cresciute del 4% rispetto al 2008, passando da 198 a 206 milioni, quelle da versamenti diretti del 27%, con un salto dai 181 ai 230 milioni. 
Trend positivi accompagnati anche da una migliore definizione delle categorie dove si registra il maggior numero di inadempimenti. Dei 65 mila accertamenti eseguiti 64 mila riguardavano solo imprese di piccole dimensioni, lavoratori autonomi e persone fisiche. La restante parte imprese di medie dimensioni e grandi contribuenti.

41 mila gli accertamenti solo sulle persone fisiche per una maggiore imposta accertata pari a 158 milioni circa. Già accennato sui contribuenti meno virtuosi. Dai 23 mila controlli su imprese di piccole dimensioni e lavoratori autonomi si è accertata una maggiore imposta che sfiora gli 860 milioni di euro. 253 gli accertamenti su imprese di medie dimensioni per una maggiore imposta accertata di 82 milioni di euro. La stessa equivale a 8 milioni per il settore invece dei grandi contribuenti dove le verifiche sono state solo 33.

Dei 65 mila controlli solo 20 mila sono stati definiti per adesione o acquiescenza. Nel particolare: gli accertamenti così definiti sono stati 16 per i grandi contribuenti, 104 per imprese di medie dimensioni, solo 7 mila per professionisti e imprese di piccole dimensioni e 13 mila circa per le persone fisiche.

Articolo pubblicato il 03 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus