Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

L’Ue promuove le biomasse. “Lì il 60% di energia pulita”
di Rosario Battiato

La Commissione europea all’energia fissa l’obiettivo per il 2018. Dedicare una linea di raffinazione alla green energy

Tags: Energia, Biomasse, Giovanni La Via, Gunther Oettinger



BRUXELLES – Dall’Ue giungono notizie contraddittorie sulla gestione degli stati membri in merito alla produzione di biomasse.
“In mancanza di norme armonizzate a livello europeo – si legge sul documento della Commissione - gli Stati membri sono liberi di istituire un proprio sistema nazionale per l’utilizzo di biomasse solide e biogas ai fini della produzione di energia elettrica e dei sistemi di riscaldamento e di raffreddamento”.

Una norma che fa storcere il naso agli ambientalisti che temono un saccheggio delle foreste siciliane, un territorio che tra l’altro lo stesso Giovanni La Via - già assessore all’Agricoltura e attualmente europarlamentare - ha definito come non consono per l’incentivazione di produzione di biomassa in quanto il nostro patrimonio forestale non reggerebbe un sistema del genere.
Eppure la biomassa è considerata strategica in Europa. “La biomassa – ha dichiarato Günther Oettinger, commissario europeo all’Energia - è una delle risorse più importanti per raggiungere i nostri obiettivi in termini di energia prodotta da fonti rinnovabili. Questa fonte di energia pulita, sicura e competitiva, contribuisce già per oltre il 50% del consumo di energie rinnovabili nell’Unione europea”.

Tra i criteri raccomandati nella Relazione Biomasse 2010 stilata dalla Commissione si prevede l’utilizzo di metodi comuni nel calcolo delle emissioni di gas a effetto serra che grazie all’utilizzo delle biomasse dovrebbero permettere il raggiungimento di una riduzione di almeno il 35%, e poi successivamente del 50% nel 2017 e del 60% nel 2018 per i nuovi impianti. Sarebbe un bel respiro per la Sicilia, soprattutto se – come ha più volte ribadito il Qds – si riuscisse a convertire una linea delle numerose raffinerie isolane.

Articolo pubblicato il 07 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Energia vegetale assente in Sicilia -
    Energia. Le fonti sostenibili e la crisi agricola.
    Il settore. L’agricoltura siciliana soffre da tempo di una crisi strutturale, oggi amplificata da quella di mercato. Uno sbocco? Destinare parte delle coltivazioni alle produzioni energetiche ambientalmente sostenibili.
    La realtà. La Regione siciliana, benché da un anno ha varato il Pears (Piano energetico ambientale siciliano), non ha ancora previsto una visione di sviluppo in direzione vegetale.
    (07 aprile 2010)
  • La potatura. Salta la periodicità per abbattere i costi di gestione - (07 aprile 2010)
  • L’Ue promuove le biomasse. “Lì il 60% di energia pulita” -
    La Commissione europea all’energia fissa l’obiettivo per il 2018. Dedicare una linea di raffinazione alla green energy
    (07 aprile 2010)
  • Lontani dalla Lombardia, anche di Puglia e Calabria -
    Il rapporto Gse fotografa la produzione di biomasse residuali. La regione settentrionale si distingue con oltre il 22%
    (07 aprile 2010)


comments powered by Disqus