Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Al San Gregorio il derby con lÂ’Amatori
di Marco Carli

Tags: Rugby, San Gregorio, Orazio Arancio



CATANIA - Una vittoria importante, necessaria, contro un coriaceo Amatori che ha lottato come sempre con grande tenacia. Il San Gregorio è riuscito ad imporsi nel derby con il punteggio di 13-6 e ha giustamente festeggiato (prendendosi pure la rivincita della sfida di andata vinta dai biancorossi di Bernard), ma un vitalissimo Amatori ha impedito ai ragazzi di Arancio di guadagnare il punto di bonus. Così il Calvisano, che ha conquistato 5 punti con il Riviera, ha sopravanzato di un punto in classifica il San Gregorio. Il match della vita si giocherà il 25 aprile proprio in casa dei lombardi.

Tornando al derby, lo spettacolo al Goretti è stato rappresentato dal grande spirito combattivo delle due squadre, capaci di limitarsi a vicenda, soprattutto nel primo tempo, terminato 3-0 per i ragazzi di Arancio. Due soli uomini nel tabellino marcatori: Pucciariello per il San Gregorio (due calci piazzati, una meta e una trasformazione) e Juan Cruz Viassolo (due calci piazzati). Grinta in campo e tifo sugli spalti con oltre mille spettatori che nella ripresa hanno assistito all’allungo del San Gregorio avvenuto a sette minuti dal termine grazie all’unica meta della partita. L’esultanza degli ospiti (si giocava al Goretti, casa dell’Amatori) è stata evidente a fine match: era fondamentale riuscire a vincere per mantenere intatte le chance di primato, ma l’Amatori è uscito dal campo a testa alta dimostrando di non meritare l’attuale posizione di classifica (terzultimo posto). Come sempre comunque è Catania a dare, in campo rugbistico, una grande immagine di se’. La città etnea, vera e propria culla del rugby nel meridione d’Italia, ha dimostrato ancora una volta competenza e passione per questo sport corretto, ma giocato da uomini duri. Per ora è serie A (la seconda divisione del rugby nostrano), chissà che fra qualche tempo lo storico Amatori (fra le prime quattro squadre d’Italia fino a pochi anni fa) e il giovane San Gregorio non si possano ritrovare di fronte nel campionato d’Elite.

Articolo pubblicato il 13 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus