Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Piazza Carlo Alberto, regolamento per porre un freno allÂ’abusivismo
di Antonio Borzì

Lipera, direttore Attività produttive: “Bisogna far capire che il rispetto delle norme è fondamentale”. I commercianti dovranno munirsi di pass e apposite autorizzazioni comunali

Tags: Catania, Mercato, Biagio Lipera, Mario Chisari



CATANIA - L’amministrazione Stancanelli prova a regolarizzare il principale mercato cittadino con una serie di interventi. Mano ferma contro gli irregolari e delimitazione dell’aria commerciale sono le parole d’ordine del nuovo corso che l’assessorato al commercio guidato da Mario Chisari vuole imprimere alla fiera cittadina.

Sarà infatti permesso l’ingresso nell’area commerciale di piazza Carlo Alberto soltanto a chi è in possesso dell’autorizzazione comunale. Vigili urbani e personale Sostare sorveglieranno i 10 punti d’accesso predisposti dall’assessorato al commercio, permettendo l’ingresso dei mezzi soltanto dalle ore 6,30 alle ore 8,00. In uscita i mezzi potranno muoversi dalle 13,30 fino alle 14,30. In occasione del sabato, quando il mercato si prolunga per tutta la giornata, l’uscita sarà dalle 19,30 alle 20,30. Per varcare i controlli si dovrà esibire un apposito pass, realizzato con metodi anticontraffazione, che verrà concesso soltanto ai commercianti in regola. I pass verranno rilasciati dai vigili urbani nell’apposito camper di via Teocrito.

Un intervento che potrebbe essere definito storico per una realtà commerciale da sempre non regolamentata e governata dal caos. Per rendere possibili questi interventi è stato necessario un censimento di tutte le attività produttive e una serie di controlli incrociati che hanno permesso di scovare gli operatori irregolari. Ad essi le autorità hanno permesso di regolarizzare la propria posizione se in possesso degli adeguati requisiti. Mano dura però nei confronti di coloro i quali si ostinano a vivere nell’illegalità.
Attenzione particolare anche alla sensibilizzazione dei commercianti che sono stati chiamati in causa nel processo di cambiamento con una serie di sondaggi volti a tastare il polso della situazione. Inoltre è stato distribuito del materiale informativo per spiegare agli esercenti tutti i meccanismi del cambiamento.

Entusiasta per gli interventi l’assessore al commercio Mario Chisari che sottolinea come “questo intervento è assolutamente necessario per portare la legalità nella fiera. La lotta all’abusivismo è ben presente in ogni attività del nostro assessorato”.
Occhio di riguardo anche all’igiene con il potenziamento dei controlli nei confronti degli operatori e l’intervento dei mezzi di pulizia che avverrà giornalmente alle 15.00.

Uno dei principali ideatori degli interventi è stato certamente il direttore delle attività produttive Biagio Lipera che non nasconde la propria speranza verso un cambiamento di mentalità nei commercianti catanesi. “Dobbiamo far capire - dichiara Lipera - che il rispetto delle regole è fondamentale per esercitare in modo corretto la propria professione. Purtroppo assistiamo da anni alla volontà  di esercitare nell’illegalità senza tenere conto delle principali regole del viver civile”.

“Il problema in questi anni - conclude Lipera - non ha riguardato soltanto gli abusivi, che dai nostri controlli non dovrebbero superare la cinquantina di unità, ma anche chi è in possesso di regolare autorizzazione. Infatti questi commercianti hanno allargato, senza l’autorizzazione comunale, le proprie attività uscendo dagli stalli concessi”. Resta da verificare se questi interventi avranno degli effetti reali o verranno aggirati da parte dei commercianti che in questi anni hanno spesso dimostrato di essere refrattari ai cambiamenti proposti.

Articolo pubblicato il 13 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
La fiera fra macchine, motorini e attività commerciali (ab)
La fiera fra macchine, motorini e attività commerciali (ab)
Un ingresso della fiera con un abusivo al centro (ab)
Un ingresso della fiera con un abusivo al centro (ab)