Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Le Province e i capoluoghi raggiungono i 2,5 milioni di euro
di Michele Giuliano

Solo le amministrazioni comunali hanno elargito ben 1,3 milioni. Decine di scelte fra Cda, collaudi, direzione lavori e docenze

Tags: Enti Locali



PALERMO - Il viaggio del Quotidiano di Sicilia, prima di arrivare a questa tappa, aveva già toccato anche i Comuni capoluogo e le Province regionali. Estrapolando i dati sempre dal sito del ministero della Pubblica amministrazione i 9 Comuni e le 9 Province risulta che abbiano sborsato nel 2008 ben 2 milioni e mezzo di euro per incarichi di consulenze e collaborazioni esterne. Quindi, escludendo i Comuni al di sotto dei 10 mila abitanti, nell’Isola gli enti pubblici a tutti i livelli hanno sfondato la soglia degli 11 milioni di euro di spese.

Bene o male gli incarichi conferiti anche dalle più grandi amministrazioni hanno riguardato lo stesso ambito: i soldi extra sono stati assicurati a chi ha ricoperto ruoli all’interno di consigli d’amministrazione, chi invece per collaudi tecnici o direzione di lavori, chi ancora, invece, per docenze o consulenze tecniche. Ed anche in questo caso non sono mancate le “anomalie”.

C’è infatti da sottolineare che per quanto riguarda le Province siciliane figurano in elenco solo otto Enti: non c’è traccia di quella di Trapani che evidentemente non ha fatto ricorso ad alcun incarico esterno nel 2007 oppure non le ha comunicate. Ma a risaltare di più è il fatto che il milione e 200 mila euro spesi sono stati per lo più elargiti da due sole Province: quella di Catania e quella di Agrigento, che insieme arrivano a oltre 900 mila euro. Quindi le “briciole” si devono dividere per tutte le altre cinque Province: Enna, Ragusa, Siracusa, Caltanissetta, Messina e Palermo hanno quindi speso in tutto neanche 200 mila euro.
I Comuni capoluogo, da par loro, hanno speso 1,3 milioni di euro facendo lievitare quindi la spesa complessiva a 2 milioni e mezzo.

Articolo pubblicato il 14 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Piccoli Comuni, grasse consulenze -
    Enti locali. Pubblica amministrazione ed esperti strapagati.
    Piagnoni e scialacquoni. Il gioco degli incarichi esterni non risparmia le amministrazioni non capoluogo, che impegnano fiumi di denaro, salvo poi lamentarsi per la carenza di risorse.
    Palermo e Catania. I centri di questi due territori si distinguono per il maggiore ricorso ai collaboratori non appartenenti all’ente. Solo a Corleone nel 2008 sborsati compensi per 1,3 milioni di euro.
    (14 aprile 2010)
  • Le Province e i capoluoghi raggiungono i 2,5 milioni di euro -
    Solo le amministrazioni comunali hanno elargito ben 1,3 milioni. Decine di scelte fra Cda, collaudi, direzione lavori e docenze
    (14 aprile 2010)


comments powered by Disqus