Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - In classe, a lezione di degrado tra tagli e strutture fatiscenti
di Luca Insalaco

Sono 187 gl edifici realizzati tra il 1935 e il 1970 e non sono adeguate alla normativa antisismica. Pareti ammuffite, lesioni, vecchi infissi: così si presentano 200 scuole comunali

Tags: Palermo, Scuola.



PALERMO – I numeri, impietosi come sempre, rivelano l’immagine di una scuola a dir poco “sgarrupata”. Duecento scuole comunali si presentano ogni mattina ai loro studenti con pareti lesionate e ammuffite, infissi fatiscenti, arredi spesso assenti e il più delle volte non ancorati. E ben duecento locali - tra palestre, aule e luoghi comuni – sono stati chiusi per inagibilità.
 
Gli edifici scolastici del capoluogo, insomma, sono vecchi e fanno acqua da tutte le parti. Delle 281 scuole di competenza comunale (asili, elementari e medie), 88 sono in affitto. Di queste, 187 sono state realizzate tra il 1935 e 1970, con strutture in muratura portante e mai adeguate alla normativa in materia di misure antisismiche. Numeri e immagini sono contenuti in un dossier realizzato dal Partito Democratico, sulla scorta del monitoraggio svolto dai tecnici comunali della Protezione civile.
 
A fronte di tali criticità – denunciano il consigliere Davide Faraone e Mila Spicola – il Comune ha chiuso i rubinetti della spesa per il funzionamento e la manutenzione ordinaria e un tondo zero campeggia anche accanto ai soldi destinati alle famiglie per il buono libro e il diritto allo studio. E l’amministrazione comunale? Aspetta l’approvazione del bilancio di previsione (promesso per il mese di gennaio, il documento finanziario è ancora impantanato in Aula) e rivendica comunque di essere intervenuta per rimuovere i pericoli, non avendo le risorse per ripristinare i luoghi. “L’assessore Rappa dice che il Comune provvede a chiudere le scuole pericolose. Bella risposta. E i bambini dove se ne vanno?”, replica Mila Spicola, insegnante della “Quasimodo” e responsabile scuola del Pd, la quale ricorda come questa situazione di emergenza sia aggravata da una condizione di “illegalità diffusa” che interessa tutta la scuola palermitana: “Con i tagli della Gelmini e l’impossibilità di ricorrere alle supplenze, può capitare di avere fino a 36 alunni in una classe, ben oltre i limiti previsti dalla legge. In caso di evacuazione, cosa accadrebbe?”.
 
Alle evidenti carenze strutturali si aggiunge, come detto, la penuria di fondi per garantire il diritto allo studio: “In molte scuole di periferia mancano anche i libri” ricorda la Spicola . Da qui la richiesta di assicurare un fondo per fornire ogni scuola di una “dotazione libri” che permetta alle famiglie di usufruire dei testi in comodato d’uso, a costi minimi.
 

 
Le testimonianze. Comune a secco così a pagare sono le famiglie
 
PALERMO – Le voci del mondo scolastico sono intrise di amarezza e rabbia. “Nel marzo dello scorso anno, ha ceduto una trave dell’edificio e abbiamo problemi di messa a norma – ricorda Daniela Crimi, preside della scuola “Giuseppe Scelsa” di Villagrazia -. Eppure, dal Comune non abbiamo ricevuto nessuna risposta alle nostre segnalazioni. Anzi, è del 2007 che dall’amministrazione non riceviamo un soldo. Per sopperire alla mancanza di risorse, siamo costretti a chiedere dei contributi volontari agli alunni”.
“Già dal 2005 – ricordano Spicola e Faraone - il settore Edilizia scolastica ha chiesto 7 milioni di euro per far fronte alle emergenze, ma fino ad oggi nessun capitolo di bilancio è stato posto in essere per la manutenzione ordinaria e i pochi lavori sono stati effettuati in economia dalle maestranze del Coime”. Il Pd chiede l’istituzione di un “fondo equo di funzionamento ordinario per supplire ai bisogni essenziali e non ricorrere al contributo volontario delle famiglie anche per comprare detersivi, materiali didattici e cancelleria”.

Articolo pubblicato il 27 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Muffa sulle pareti di un bagno (li)
Muffa sulle pareti di un bagno (li)
Il soffitto di una scuola elementare (li)
Il soffitto di una scuola elementare (li)