Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

A fare la differenza anche la valorizzazione dei borghi
di Michele Giuliano

Aumentano i turisti nelle regioni che hanno puntato su questi patrimoni. In Toscana sono stati premiati in 32 su un totale di 78

Tags: Turismo



Da tempo il Quotidiano di Sicilia sostiene la campagna per la valorizzazione dei borghi in Sicilia, convinti che questi siano una grandissima risorsa da sfruttare sul piano anche turistico. Non è certamente un caso se tutte e tre le regioni che schiacciano la Sicilia sul piano delle presenze abbiano tra i loro punti cardine dell’offerta turistica anche una consistente fetta rivolta proprio alla fruizione dei borghi. Anche in questo caso i numeri sono impietosi e possono descrivere meglio di qualunque altra cosa lo spaccato della realtà siciliana. I dati delle presenze alberghiere nei pressi dei borghi sono a dir poco sconfortanti un po’ in tutto il territorio. Dai Nebrodi alla provincia di Messina, passando per quella catanese, i tassi di occupazione delle strutture alberghiere oscillano tra l’1 e il 9 per cento. Eppure in Sicilia si contano ben 829 borghi, il che darebbe davvero il senso di una grande risorsa dimenticata nel tempo. In Toscana sono appena 78 ma tutti ben valorizzati. Questa regione infatti è stata premiata nel 2007 con ben 32 bandiere arancioni, il marchio di qualità del Touring club italiano che seleziona e certifica le piccole località dell’entroterra, in base a rigorosi parametri turistici e ambientali. E che dire invece del Lazio: qui la Regione ha lavorato molto alla promozione dei borghi medievali. Recupero di case abbandonate, sagre, feste rionali, apertura di nuove biblioteche che raccontano la memoria di questa terra, ma soprattutto un progetto unico che si sviluppa in tutte le cinque province laziali.
In Sicilia tutt’oggi manca una legge sul turismo e sui centri minori che valorizzi i borghi e i centri storici attraverso il loro recupero. In pratica siamo all’anno zero.

Articolo pubblicato il 28 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Turismo: la Regione perde il Pil -
    Turismo. Statistiche impietose potenzialità non sfruttate.
    Pernottamenti per kmq. Imbarazzante il confronto con le altre regioni per il numero di presenze in rapporto alla superficie: nel Lazio 1996 pernottamenti per chilometro quadrato. In Sicilia 530 per kmq.
    Borghi dimenticati. In Sicilia sono stati censiti 829 piccoli borghi ma non è stata programmata alcuna opera di recupero e valorizzazione al contrario di quanto hanno fatto regioni come Umbria, Lazio e Toscana.
    (28 aprile 2010)
  • A fare la differenza anche la valorizzazione dei borghi -
    Aumentano i turisti nelle regioni che hanno puntato su questi patrimoni. In Toscana sono stati premiati in 32 su un totale di 78
    (28 aprile 2010)
  • Golf, casinò e distretti Puntare anche sui siti siciliani Patrimonio dellÂ’umanità -
    L’assessore al Turismo Strano traccia la strada per recuperare terreno. Puntare anche sui siti siciliani Patrimonio dell’umanità
    (28 aprile 2010)


comments powered by Disqus