Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Golf, casinò e distretti Puntare anche sui siti siciliani Patrimonio dell’umanità
di Michele Giuliano

L’assessore al Turismo Strano traccia la strada per recuperare terreno. Puntare anche sui siti siciliani Patrimonio dell’umanità

Tags: Turismo, Nino Strano



Sui casinò c’è molto più che un’apertura, sugli impianti da golf già è stata tracciata la strada, i Distretti turistici stanno cominciando  muoversi. La Regione intravede in queste tre punti cardine il punto di svolta del turismo siciliano. Il governo siciliano sta pensando molto soprattutto in chiave di offerta da destagionalizzare. Ecco perché si punta molto sui casinò e sugli impianti da golf: si tratta di progetti che in realtà non hanno un’identità stagionale ma vanno bene tutto l’anno.
 
“Siamo favorevoli all’apertura di Casinò – ha commentato l’assessore regionale al Turismo Nino Strano - anche perché non è giusto che siano concentrati solo nel Nord Italia. Noi abbiamo in mente già le possibili sedi: il Castello di Reggio a Palermo e Taormina”. La scommessa del governo siciliano si concentra poi molto sui Distretti turistici: qualcuno è in fase avanzata, altri ancora stanno nascendo. “Noi crediamo – aggiunge l’assessore – nei Distretti individuati attraverso ricerche antropologiche e culturali, che saranno scenario del Circuito del Mito, su cui non mi stanco mai di soffermarmi, come coacervo di esperienze e di intelligenze. Grandi eventi in zone vocate che abbiano una valenza turistica ed economica, promossi per tempo, così da essere opportunamente collocati sul mercato turistico internazionale”.
 
Infine una “puntata” la si vuol fare anche sui siti siciliani Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco: “Una particolare attenzione la rivolgiamo a queste aree – aggiunge Strano - che sono una vetrina della nostra Isola nel mondo. Quindi porteremo avanti, una politica ad hoc di promozione per questi siti che miri ad iniziative mirate e non ad inutili dipendi di risorse”.

Articolo pubblicato il 28 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Turismo: la Regione perde il Pil -
    Turismo. Statistiche impietose potenzialità non sfruttate.
    Pernottamenti per kmq. Imbarazzante il confronto con le altre regioni per il numero di presenze in rapporto alla superficie: nel Lazio 1996 pernottamenti per chilometro quadrato. In Sicilia 530 per kmq.
    Borghi dimenticati. In Sicilia sono stati censiti 829 piccoli borghi ma non è stata programmata alcuna opera di recupero e valorizzazione al contrario di quanto hanno fatto regioni come Umbria, Lazio e Toscana.
    (28 aprile 2010)
  • A fare la differenza anche la valorizzazione dei borghi -
    Aumentano i turisti nelle regioni che hanno puntato su questi patrimoni. In Toscana sono stati premiati in 32 su un totale di 78
    (28 aprile 2010)
  • Golf, casinò e distretti Puntare anche sui siti siciliani Patrimonio dell’umanità -
    L’assessore al Turismo Strano traccia la strada per recuperare terreno. Puntare anche sui siti siciliani Patrimonio dell’umanità
    (28 aprile 2010)


comments powered by Disqus