Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Comune, il rincaro salva-Gesip per recuperare otto milioni di euro
di Luca Insalaco

L’atto è necessario per l’approvazione del preventivo. Federalberghi: “Evitare piuttosto gli sprechi”. Dibattito in aula per il regolamento. Previsto il 75% in più per la Tassa sui rifiuti

Tags: Palermo, Gesip, Tarsu



PALERMO – Ci risiamo: l’aumento della Tarsu è di nuovo al centro del dibattito d’aula. Da lì passa, secondo i partiti che sostengono la Giunta, il salvataggio di Gesip. Un rincaro dell’8 per cento per recuperare 8 milioni di euro da destinare alla società partecipata. L’approvazione del regolamento, inoltre, è propedeutica alla tanto agognata approvazione del bilancio di previsione per l’anno corrente. Regolamento che andrebbe a legittimare l’aumento del 75% della tassa, varato dall’esecutivo nel 2006 e bocciato per due volte dal Tar.
 
Il centrodestra già l’estate scorsa aveva tentato di innalzare l’aliquota, ma la manovra si era incagliata in Aula. Ora, dunque, ci ritenta, sotto il pressing degli operai della Gesip, preoccupati per stipendi e futuro dell’ex municipalizzata. E, come lo scorso anno, l’opposizione promette battaglia: “Non ci sono alternative a fermare il provvedimento e non accettiamo il ricatto del centrodestra sulla questione Gesip – ha detto il coordinatore cittadino del Pd, Ninni Terminelli -. Intendiamo, infatti, tutelare il destino dei lavoratori della Gesip, che non possono essere collegati al ripristino dell’aumento della Tarsu perché questo costruirebbe una vera e propria trappola per i lavoratori data la grandissima impopolarità del provvedimento”. 

Secondo Nadia Spallitta, capogruppo di Un’Altra Storia, inoltre, la delibera proposta dal centrodestra non supera nessuna delle criticità che la magistratura amministrativa ha messo in rilievo in passato. “Non è chiara – ha detto la consigliera - quale sarà la copertura effettiva del costo dei servizi, dal momento che esiste una notevole divergenza tra il dato fornito dall’Amministrazione, che parla di copertura dell’83% del servizio di smaltimento dei rifiuti e il parere dei revisori dei conti, secondo il quale la copertura dei costi dei servizi sarebbe almeno pari al 92% degli stessi”.

A mettersi di traverso ad un nuovo rincaro sono anche le associazioni di categoria. Emblematica dell’esasperazione degli imprenditori è stata l’irruzione in Aula da parte degli aderenti a Federalberghi. “La Giunta trovi i soldi per le stabilizzazioni andando a Roma o cercando le opportune economie evitando gli sprechi di bilancio – ha auspicato dal canto suo il leader di Confcommercio, Roberto Helg - Non giova a nessuno, né tanto meno alla città, mettere una categoria contro l’altra, come mi sembra si voglia fare”.
 


28 milioni di euro inesigibili. Aspettando che paghino morti e falliti
 
PALERMO – La bagarre politica sull’aumento della Tarsu si è arricchita di un elemento a dir poco clamoroso. “Nel corso degli anni dal 2000 al 2009, il Comune ha messo a ruolo circa 28 milioni di tasse per rifiuti solidi urbani inesigibili, perché dovuti da soggetti deceduti o da imprese fallite”, ha denunciato il consigliere del Pd, Davide Faraone. “La cosa più grave è che questa segnalazione la fa il concessionario Serit, pur essendo il Comune proprietario delle banche dati che utilizza Serit. Questo meccanismo subdolo – ha aggiunto – è estremamente dannoso per l’Amministrazione, perché consente di aumentare in modo cartolare le entrate sovradimensionandole, consentendo poi, uscite che invece sono effettive e che non hanno copertura finanziaria”. “Anche l’ulteriore aumento della Tarsu, per ulteriori 8 milioni – ha infine osservato Faraone - in realtà consentirebbe, dato il tasso del 60% di evasione, un introito effettivo di non più di 4,5 milioni che pagherebbero i soliti cittadini onesti e non è sufficiente a raggiungere l’obbiettivo di salvare la Gesip”.

Articolo pubblicato il 29 aprile 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Montagne di rifiuti accatastate nelle vie della cittÓ (li)
Montagne di rifiuti accatastate nelle vie della cittÓ (li)


´╗┐