Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Con Espon sviluppo territoriale e coesione grazie ai fondi Ue
di Antonio La Ferrara

I beneficiari diretti: soggetti giuridici pubblici e privati, soprattutto enti e/o istituti di ricerca. Per la presentazione dei progetti è prevista un’unica scadenza: 28 giugno 2010

Tags: Espon, Unione Europea



PALERMO - Espon (European spatial planning observation network) è un programma comunitario di ricerca applicata che supporta l’attuazione delle politiche europee migliorando la conoscenza del territorio europeo e delle dinamiche di sviluppo, anche mediante la creazione di una comunità scientifica che si occupa di sviluppo territoriale. Il programma opera nell’ambito dei Fondi Strutturali dell’Unione Europea, per lo sviluppo di una politica comunitaria di coesione ed un armonioso sviluppo del territorio.

Il Programma Espon 2013, che prosegue le attività di Espon 2006, è stato adottato il 7 Novembre 2007 (Decisione della Commissione C (2007) 5313) ed è finanziato dai fondi Fesr  nell’ambito dell’obiettivo 3 “Cooperazione territoriale” per il periodo 2007-2013.

Il programma ha lo scopo di fornire ai decisori politici di livello europeo, nazionale e regionale gli elementi utili alla formulazione delle politiche nell’Unione Europea, attraverso l’elaborazione di informazioni omogenee, analisi e scenari delle dinamiche territoriali, oltre che l’esame delle trasformazioni e degli impatti derivanti dall’attuazione delle politiche.
Per quanto riguarda il programma Espon 2013, il 3 maggio sono stati pubblicati tre nuovi inviti a presentare proposte relativi al programma suddetto.

L’obiettivo dei bandi è quello di fornire informazioni comparate, prove, analisi e scenari sui requisiti necessari per uno sviluppo armonioso ed una maggiore coesione e competitività del territorio europeo (a livello di regioni, città e territori più vasti).
Gli inviti sono i seguenti:
- Invito Priorità 1: questo invito si suddivide in due temi: progetti di ricerca applicata e mari europei nello sviluppo territoriale con 800.000 euro di budget disponibile, e, secondo tema,  Indicatori e prospettive per i servizi di interesse generale nella coesione territoriale e nello sviluppo con 1.000.000 euro a disposizione come stanziamento. Per ognuno dei due temi sarà finanziato un progetto.

- Invito Priorità 2: questo invito prevede ben 8 tematiche sulle quali predisporre progetti, ovvero: analisi mirate,valutazioni di impatto territoriale, utilizzo dei risultati applicati da Espon come parametri per la pianificazione e lo sviluppo territoriale transfrontaliero, identificazione e scambio delle migliori pratiche nello sviluppo delle strategie regionali integrate in Europa, metropolizzazione e sviluppo policentrico in Europa Centrale: opzioni strategiche basate sulle prove. Lo stesso invito prevede inoltre: monitoraggio delle prestazioni territoriali, migliori condizioni di sviluppo nelle metropoli europee, migrazione selettiva e rapporto sbilanciato tra i sessi nelle regioni rurali, e istituzioni intelligenti per gli sviluppi territoriali. Ognuno di questi temi ha a disposizione un finanziamento di 350.000 euro.

- Invito Priorità 4: questo bando è aperto solo per i contact point nazionali Espon e prevede progetti mirati di capitalizzazione transnazionale, sensibilizzazione e diffusione dei risultati Espon con l’obiettivo di coinvolgere i politici, i professionisti, gli scienziati e i giovani accademici e di promuovere la prospettiva europea di sviluppo territoriale, la competitività e la coesione. Per quest’ultimo bando il budget complessivo è di 1.300.000 euro.
 


Bandi “aperti” e selezione proposte con valutazioni comparative
 
PALERMO - Il programma opera attraverso “bandi” aperti (call) e con la selezione delle proposte pervenute sulla base di valutazioni comparative.
I beneficiari diretti sono soggetti giuridici pubblici e privati, soprattutto enti e/o istituti di ricerca, e altri enti, progettisti e consulenti specialisti del settore.
I potenziali beneficiari, inoltre, sono invitati a Bruxelles il 18 maggio all’Info Day e partner cafè su questi bandi dove potranno ottenere informazioni maggiori.
La priorità 2 consente anche agli stakeholder di presentare proposte progettuali su temi di interesse. Al programma cooperano i 27 paesi membri della Ue e i seguenti Stati non-Membri: Svizzera, Islanda, Norvegia e Liechtenstein. Tutti i bandi, per la presentazione dei progetti, hanno la stessa scadenza, ovvero il giorno 28 giugno 2010. Per maggiori informazioni, il sito web di riferimento è il seguente: www.espon.eu.

Articolo pubblicato il 08 maggio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐