Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Nessuna scadenza fissata per le Pa ma a fine anno sanzioni per i dirigenti inadempienti
di Dario Raffaele

Termini per l’adeguamento, obblighi e sanzioni

Tags: Pa, Pec



Il Ministero della Pubblica amministrazione e dell’Innovazione ci fa sapere che non è previsto alcun termine perentorio per la messa in regola delle pubbliche amministrazioni con la dotazione e attivazione della Pec. Esistono però delle sanzioni. Infatti, si può leggere nella circolare n. 2/2010/DDI, “si rammenta che l’attuazione dei dettami inerenti l’impiego della Pec è rilevante ai fini della misurazione e della valutazione della performance sia organizzativa, sia individuale previste dagli articoli 8 e 9 del decreto legislativo del 27 ottobre 2009, n. 150, di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni”.
Le pubbliche amministrazioni sono poi tenute alla pubblicazione nella pagina iniziale del proprio sito istituzionale, di un indirizzo di posta elettronica certificata ai sensi dell’articolo 54 del d.lgs. n. 82 del 2005 (Codice dell’amministrazione digitale). Le amministrazione sono inoltre invitate a dare adeguata informazione dei propri indirizzi di comunicazione tramite posta elettronica certificata attraverso gli ulteriori canali di comunicazione con il cittadino (Urp, Call center, sportelli, ecc.).

Articolo pubblicato il 08 maggio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus