Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Dopo 10 anni serve un segnale “forte”
di Angela Carrubba

Si attende con interesse la nuova direttiva europea contro i ritardi delle pubbliche amministrazioni nei pagamenti di beni e servizi. Mentre gli euroburocrati discutono ed i politici sono “allarmati” le piccole imprese chiudono

Tags: Imprese, Pa, Debiti, Pagamenti



PALERMO - Il 30 aprile scorso il vicepresidente della Commissione Europea per l’industria e l’imprenditoria, Antonio Tajani ha affermato che: “L’Unione Europea si sta impegnando affinché si faccia in fretta una direttiva per ridurre al massimo i ritardi dei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione nei confronti delle piccole e medie imprese”.

Già un anno fa (l’8 aprile 2009) Günter Verheugen, responsabile della Commissione europea per Imprese e industria, aveva dichiarato che “Nonostante alcuni miglioramenti registrati nel corso degli ultimi anni, i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali tra imprese o tra imprese e autorità pubbliche sono ancora una realtà nell’Ue. È un fenomeno che ostacola lo sviluppo delle imprese ed è addirittura all’origine del fallimento di imprese altrimenti sane, soprattutto laddove si tratti di piccole e medie imprese. Purtroppo a tutt’oggi la cultura dei pagamenti da parte delle autorità pubbliche non è sempre lodevole. Considerata la crisi attuale diversi Stati membri hanno perciò iniziato ad affrontare la questione a livello nazionale”.
Che le piccole imprese siano particolarmente colpite dalla crisi economica che dal 2008 ha investito l’economia mondiale è cosa verificata da tutti gli ultimi dati elaborati dai centri di ricerca e dagli uffici studi di banche e associazioni del territorio nazionale. E se l’Italia piange, la Sicilia sta peggio.

In Sicilia nei primi tre mesi del 2010 il numero di imprese che hanno chiuso i battenti supera quello delle aperture: tra gennaio e marzo sono state infatti 8.526 le iscrizioni al registro delle Camere di Commercio contro le 9.763 cessazioni, totalizzando un saldo negativo di 1.237 unità e un tasso di crescita trimestrale dello stock di imprese pari a -0,26%. Sono questi i dati sulla Sicilia che emergono dall’indagine sulla nati-mortalità delle imprese nel primo trimestre dell’anno fotografati da Movimprese, la rivelazione trimestrale condotta per Unioncamere da Infocamere.

Una cosa che sicuramente ha influito sulla débâcle a livello nazionale sono i tempi di pagamento alle piccole imprese, che si traducono in attese anche di 600 giorni, per recuperare i crediti vantati nei confronti degli enti pubblici. Il tempo medio di attesa per riscuotere un credito da una pubblica amministrazione si attesta sui 128 giorni contro i 67 della media Ue e questi ritardi costano 934 milioni di euro l’anno, e a farne le spese sono proprio le Pmi che, alla fine, non hanno accesso al credito.
 
E se parliamo delle amministrazioni pubbliche siciliane, i tempi medi di attesa per riscuotere i crediti vanno da 168 giorni in avanti.
Dal momento che ci sono voluti dieci anni dall’emanazione della prima direttiva Ue sui ritardi dei pagamenti (Direttiva 2000/35/CE pubblicata nella GUCE del 8.8.2000) perché le istituzioni europee affrontassero con decisione le inadempienze delle pubbliche amministrazioni dei paesi membri, le imprese hanno diritto di attendersi che i propri governi accorcino i tempi lunghissimi dell’iter europeo.
 
E le imprese siciliane, a maggior ragione, attendono che la Regione (e l’assessore all’Economia) preceda la Commissione adottando subito due provvedimenti: 1. predisporre contratti standard che prevedano tempi massimi per il pagamento di beni e servizi oltre i quali scattano interessi di mora e recupero spese; 2. rilevare e diffondere un registro nel quale siano contenuti i nomi delle Pa regionali e locali insieme ai relativi tempi di pagamento delle fatture. Le imprese potrebbero utilizzarlo per programmare meglio il proprio cash flow e si perseguirebbe l’obiettivo di una vera trasparenza.
 

 
Novità della direttiva da approvare rispetto a quella del 2000
 
Le disposizioni della direttiva 2000/35/CE relative all’ambito d’applicazione, agli interessi di mora, alla riserva di proprietà e alla procedura di recupero dei crediti non contestati restano fondamentalmente immutate. Le modifiche sostanziali proposte sono:
a) l’articolo 1, paragrafo 2 elimina la possibilità per gli Stati membri di escludere i ricorsi per interessi di importo inferiore a 5 euro; in questo modo si elimina un ostacolo ai ricorsi per ottenere gli interessi di mora, in particolare per le Pmi e per le piccole transazioni, in cui gli importi degli interessi sono limitati;
b) l’articolo 4 specifica che, in caso di ritardi di pagamento, i creditori hanno il diritto di ottenere un importo per i costi di recupero interno connessi all’importo pagato in ritardo;
c) l’articolo 5 della proposta affronta i ritardi di pagamento delle amministrazioni pubbliche che saranno tenute, di norma, a pagare le fatture relative a transazioni commerciali aventi per oggetto la fornitura di beni o la prestazione di servizi entro 30 giorni. Allo scadere di tale periodo il creditore ha diritto ad un risarcimento pari al 5% dell’importo dovuto, oltre agli interessi di mora e al risarcimento dei costi di recupero;
d) sono rese più rigorose le regole sui contratti gravemente iniqui.

Articolo pubblicato il 11 maggio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Dopo 10 anni serve un segnale “forte” -
    Si attende con interesse la nuova direttiva europea contro i ritardi delle pubbliche amministrazioni nei pagamenti di beni e servizi. Mentre gli euroburocrati discutono ed i politici sono “allarmati” le piccole imprese chiudono
    (11 maggio 2010)
  • I ritardi condizionano anche i mercati interni dei Paesi Ue -
    È chiara nel testo Ue la conseguenza sull’alterazione della libera concorrenza. Aspettando che i governi cambino le regole, ecco cosa si può fare...
    (11 maggio 2010)


comments powered by Disqus