Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Alla scoperta delle nostre origini ammirando i gorilla della foresta
di Nicoletta Fontana

Avventura in Ruanda, nel “Paese delle mille colline” dove la natura la fa da padrone

Tags: Ruanda, Kigali, Gorilla, Diane Fossey



Come tutte le città africane Kigali, la capitale del Ruanda, non ha molto da offrire al visitatore al di là del pittoresco caos e dell’atmosfera colorita e divertente tipica di tutte le cittadine africane. A rendere differente questa città dalle altre è il ricordo ancora presente dell’efferato genocidio che si è consumato nel 1994 tra gli Hutu e i Tutsi dando la morte a circa 100.000 persone tra cui migliaia di donne e  bambini, in uno sterminio consumato a colpi di macete davanti all’indifferenza dell’Occidente.

Prima di tuffarci nel “Paese delle mille colline” alla scoperta dei gorilla di montagna, una visita al Kigali Memorial Centre nel distretto di Gisozi sarà d’obbligo come invito alla riflessione per quello che è considerato il più sanguinoso massacro  della storia del XXI secolo. Dopo questa visita partiremo alla volta dei mitici Virunga, catena montuosa dove vivono gli ultimi Gorilla di montagna del mondo. Alcuni gruppi di questi affascinanti primati vivono anche nella foresta di Bwindi, in Uganda, ma il mito dei gorilla e della loro celebre studiosa Diane Fossey è nato qui, tra questi alti vulcani la cui bellezza paesaggistica riesce a essere commovente.

Le cime di queste montagne perennemente avvolte nella nebbia, punteggiate da piccolissimi villaggi con i loro campicelli di mais rappresentano una delle visioni più poetiche ed emozionanti dell’Africa autentica, dove la natura esprime la sua forza in tutta la sua pienezza. Dopo due ore circa di strada raggiungeremo Kinigi per trovare alloggio in quello che è considerato uno dei migliori Lodge del Rwanda, il Sabynio Silverback Lodge. Cena a lume di candela davanti a un indimenticabile panorama, torcia alla mano entreremo nella nostra meravigliosa camera tendata per un sonno ristoratore.
Sveglia all’alba, piccola colazione, equipaggiamento sportivo ci recheremo al quartier generale del Parco dove incontreremo il nostro ranger che dopo un breve briefing ci accompagnerà ad incontrare i gorilla.

Parliamo di “incontrare” perché di questo si tratta: attraversando la foresta, con i sherpa armati di macete ci inoltreremo al suo interno circondati da liane, felci, alberi secolari, serpenti ed ogni sorta di uccelli; dopo circa quaranta minuti  di cammino ci ritroveremo intorno ad una  famiglia di gorilla. Un’ora il tempo concesso per osservare questi incredibili animali, come un gruppo di amici senza alcuna barriera che ci divida. Una volta avvenuto il contatto in quello che ci potrà sembrare più un sogno che la realtà, nessuno dei documentari visti, né resoconto letto sembrerà aver descritto nemmeno lontanamente le nostre sensazioni. Stare a contatto con queste meravigliose e imponenti creature significherà toccare con mano le nostre stesse origini, come un incontro con un vecchio parente mai conosciuto ma con il quale sentiremo comunque un forte legame, rivivendo quell’incredibile percorso che ci ha portato ad essere quelli che siamo.
 

 
Notizie utili
 
Formalità per l’entrata:
Per visitare il Rwanda è necesario il visto d’ingresso, da richiedere in agenzia.
 
Lingua:
La lingua ufficiale è il Francese, ma l’Inglese è molto diffuso.
 
Valuta
 L’unità monetaria è il Franco Rwandese, ma il dollaro Usa è ben accetto.
 
Sanità:
 Il vaccino contro la febbre gialla è più obbligatoria. Il nuovo dato viene confermato dal Ministero degli Esteri (www.viaggiaresicuri.it). Il vaccino contro la malaria è consigliabile soprattutto nei periodi di stagione umida.
 
Abbigliamento consigliato per il periodo di Maggio:
Abbigliamento leggero, qualche felpa per la sera. Giacca a vento leggera impermeabile, scarpe da trekking. Evitare i sandali. Pantaloni lunghi, ma freschi, cappello e zaino.
 
Fuso Orario:
In questo periodo dell’anno vi è una sola ora di fuso.
 
Hotels:
A Kigali: Serena Hotel
A Kinigi: Sabynio Silverback Lodge.
 
Agenzia specializzata per questo itinerario:
Drive Out- Travel consulting Milano

Articolo pubblicato il 14 maggio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Kigali, la capitale del Ruanda
Kigali, la capitale del Ruanda



´╗┐