Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La storica sentenza contro gli ex vertici Fincantieri
di Rosario Battiato

All’Inail siciliana 36 mila domande per il riconoscimento dei benefici. Tre dirigenti condannati a risarcimenti milionari alle vittime

Tags: Amianto, Mauro Marangoni, Inail



PALERMO – “Una sentenza che farà scuola”. Così Mauro Marangoni, direttore Inail Sicilia, ha riassunto l’esito del processo che ha riguardato le morti a causa dell’esposizione all’amianto di 37 lavoratori e le lesioni riportate da altri 26 dipendenti che hanno contratto la malattia alla Fincantieri di Palermo. Il processo, che si è concluso lo scorso aprile a cinque anni dalla prima udienza, ha visto il giudice di Palermo Gianfranco Criscione condannare per omicidio colposo plurimo e lesioni gravissime tre ex dirigenti della Fincantieri - Luciano Lemetti, Giuseppe Cortesi e Antonio Cipponeri - per le morti da amianto nell’azienda palermitana. Un risultato straordinario - in attesa dell’esito del lunghissimo processo di Torino che riguarderà migliaia di casi – che sicuramente diverrà punto di riferimento per casi similari in Sicilia e in tutta Italia. Risarcimenti milionari fissati nell’udienza hanno stabilito 4 milioni di euro per l’Inail, che si era costituita parte civile insieme agli operai ancora in vita, ai familiari dei colleghi scomparsi, alla Fiom Cgil, alla Camera del lavoro palermitana e a Medicina democratica. “Siamo in attesa di conoscere le motivazioni del giudice  – ha precisato Mauro Marangoni – e poi vedremo i tempi che Fincantieri deciderà per avviare i pagamenti dei risarcimenti”.

Ma avere il polso della situazione sul fenomeno amianto in Sicilia significa anche confrontare i dati Inal in merito al numero di istanze presentate relative al riconoscimento dei benefici previdenziali amianto ai sensi dell’art. 13 comma 8 della legge n° 257/1992. In totale, dati aggiornati al settembre 2009, sono pervenute 36.832 domande, Siracusa (7.760) e Palermo (7557) in cima alla classifica, di cui 9.675 sono domande definitive positive, 10.832 domande definite negative e 15.556 domande in istruttorie.

Articolo pubblicato il 15 maggio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Tanto amianto, morti annunciate -
    Amianto. Il pericolo strisciante e i ritardi della politica.
    Il ritardo. A distanza di 15 anni dal varo, il Piano regionale amianto rimane incompleto e, pertanto, inapplicato. La Sicilia è tra le poche regioni che devono ancora finire di censire le aree a rischio.
    La conseguenza. Finora è stata portata a compimento soltanto una bonifica importante. Tante altre attendono, mentre in altre regioni i piani di risanamento sono a buon punto.
    (15 maggio 2010)
  • La storica sentenza contro gli ex vertici Fincantieri -
    All’Inail siciliana 36 mila domande per il riconoscimento dei benefici. Tre dirigenti condannati a risarcimenti milionari alle vittime
    (15 maggio 2010)
  • In Lombardia già bonificate molte zone contaminate -
    Tante altre regioni sono avanti con gli interventi previsti. Risanato il 18,5 degli edifici censiti, lavori nel 17%
    (15 maggio 2010)


comments powered by Disqus